Criptoportico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il criptoportico dell'imperatore Nerone al Palatino (Roma).

Nell'architettura dell'antica Roma un criptoportico (dal greco criptos (nascosto) e dal latino porticus) è un corridoio o una via di passaggio coperta.

Il criptoportico può essere al livello del terreno, ma di solito è seminterrato, e supportava una struttura come un foro o una villa romana, nel quale caso fungeva da basis villae, come corridoio di servizio non esposto alla vista.

È spesso ricoperto a volta e presenta delle aperture sia in funzione di illuminazione che per l'aerazione degli ambienti sotterranei.

Negli scritti di Plinio il Giovane, il termine è usato come sinonimo di cripta.

Criptoportici forensi accessibili al pubblico si trovano ad esempio ad Aosta, Arles, Reims, Bavay. Il criptoportico di Vicenza apparteneva ad una domus (casa) patrizia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

http://www.treccani.it/enciclopedia/criptoportico_%28Enciclopedia-dell%27-Arte-Antica%29/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]