Commissario di bordo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grado su tubolare per
3º commissario di bordo
della Marina mercantile italiana.

Il commissario di bordo (in inglese: purser), è un ufficiale di bordo.

Su ogni unità navale ove è presente, sia essa indirizzata al servizio di linea passeggeri o a quello crocieristico ma anche a quello da carico, il commissario di bordo, subordinato all'autorità del comandante della nave, è l'ufficiale responsabile di tutto il settore logistico, di quello alberghiero, nonché del coordinamento e dell'organizzazione di tutto il personale d'albergo (personale di camera e di cucina).

L'organizzazione della nave prevede una gerarchia nell'attività alberghiera, la quale comprende (in ordine gerarchico dal più alto al più basso):

I commissari conoscono le tecniche di gestione alberghiera, di comunicazione e di assistenza ai clienti, parlano lingue straniere ed hanno nozioni sulle procedure di sicurezza.

In Italia l'accesso all'esercizio della professione è subordinato all'iscrizione tra le matricole della gente di mare di seconda categoria e ad un'autorizzazione all'imbarco, rilasciata dall'autorità marittima del compartimento di iscrizione del marittimo aspirante a tale attività lavorativa. Il tutto è subordinato al possesso di un qualsiasi diploma di maturità o di una laurea.

Sulle navi battenti bandiera italiana le qualifiche di cui sopra, pur restando tali a norma di legge (vedi codice della navigazione, ruolo di equipaggio e libretto di navigazione), per fatti derivanti dalla praticità operativa vengono di frequente modificate ed indicate in lingua inglese relativamente all'incarico espletato.

Sulle navi da crociera il capo commissario viene chiamato hotel director o hotel manager[inserire fonte autorevole con data anteriore al 2012 ].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: Ministero del Lavoro italiano