Colliers Classic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colliers Classic
Sport Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
Tipo Gara individuale
Categoria Uomini Elite + Under-23
Classe 1.1
Federazione Unione Ciclistica Internazionale
Paese Danimarca Danimarca
Cadenza Annuale
Apertura maggio
Partecipanti Variabile
Formula Corsa in linea
Storia
Fondazione 1997
Soppressione 2007
Numero edizioni 11 (nel 2007)

La Colliers Classic era una corsa in linea maschile di ciclismo su strada che si svolse attorno ad Århus, nella regione dello Jutland centrale in Danimarca, dal 1997 al 2007 nel mese di maggio. Dal 2005 ha fatto parte del calendario UCI Europe Tour, come evento di classe 1.1.

Tale corsa cambiò spesso denominazione, creata come Aarhus Post Grand Prix nel 1997, nel 1999 divenne BKI Kaffe Grand Prix; dal 2000 al 2001 Samsung Mobile Grand Prix, dal 2002 al 2005 CSC Classic e infine dal 2006 al 2007 l'ultima denominazione di Colliers Classic.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato all'edizione 2007.[1]

Anno Vincitore Secondo Terzo
1997 Danimarca Bjarne Riis Danimarca Frank Høj Belgio Eric De Clercq
1998 Lettonia Romāns Vainšteins Slovenia Uroš Murn Danimarca Denis Rasmussen
1999 Danimarca Allan Johansen Danimarca Nicolai Bo Larsen Germania Torsten Schmidt
2000 Lettonia Arvis Piziks Paesi Bassi Jans Koerts Belgio Nico Eeckhout
2001 Danimarca Michael Sandstod Danimarca Nicolai Bo Larsen Lettonia Arvis Piziks
2002 Francia Laurent Jalabert Danimarca Allan Johansen Paesi Bassi Rik Reinerinke
2003 Danimarca Jakob Piil Australia Scott Sunderland Danimarca Jørgen Bo Petersen
2004 Norvegia Kurt Asle Arvesen Svezia Magnus Bäckstedt Danimarca Allan Johansen
2005 Danimarca Jacob Moe Rasmussen Danimarca Michael Reihs Danimarca René Jørgensen
2006 Belgio Erwin Thijs Norvegia Edvald Boasson Hagen Paesi Bassi Niki Terpstra
2007 Argentina Juan José Haedo Danimarca Alex Rasmussen Danimarca Jens-Erik Madsen

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Csc classic / Aarhus (Dan) - Cat. 1.1, memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 27 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]