Codex Vaticanus 2066

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 046
Manoscritto del Nuovo Testamento
Nome Vaticanus 2066
Testo Apocalisse
Datazione X secolo
Scrittura lingua greca
Conservazione Biblioteca Apostolica Vaticana
Dimensione 27,5 x 19 cm
Tipo testuale tipo testuale bizantino
Categoria V

Il Codex Vaticanus 2066 (Gregory-Aland: 046; Soden: α 1070) è un codice manoscritto onciale del Nuovo Testamento, datato paleograficamente al X secolo.[1] Contiene il testo dei quattro Vangeli.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il codice contiene 20 spessi fogli di pergamena di 27,5 per 19 cm, contenenti un testo quasi completo delle Apocalisse. Scritta in una colonna per pagina, 35 righe per colonna.[1]

Contiene spirito aspro, spirito dolce e accenti.[2]

Critica testuale[modifica | modifica sorgente]

Il testo del codice è rappresentativo del tipo testuale bizantino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria V.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il manoscritto è stato descritto e collazionati da Bianchini.[3]

Il codice è conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana (Gr. 2066) a Roma.[1][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Kurt und Barbara Aland: Der Text des Neuen Testaments. Einführung in die wissenschaftlichen Ausgaben sowie in Theorie und Praxis der modernen Textkritik. Stuttgart: Deutsche Bibelgesellschaft 1989, S. 123. ISBN 3-438-06011-6
  2. ^ Caspar René Gregory, Textkritik des Neuen Testaments, vol. 1, Leipzig, Hinrichs, 1900, p. 121. ISBN.
  3. ^ G. Bianchini, Evangeliarium quadruplex latinae versionis antiquae seu veteris italicae (Rome, 1749), Part 1, Vol. 2, p. dxxiv.
  4. ^ Liste Handschriften, Münster, Institute for New Testament Textual Research. URL consultato il 1º novembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]