Clivia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Clivia
Cliviaminiata.jpg
Clivia miniata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Genere Clivia
Specie
  • Vedi testo

Clivia è un genere delle Amaryllidaceae, piante Monocotiledoni originarie dell'Africa.
La specie più nota come pianta ornamentale è la Clivia miniata, che è un'erbacea perenne, alta 40–50 cm, con foglie persistenti di colore verde scuro, disposte a ventaglio.

In inverno porta, sopra robusti scapi, un'ombrella di 20-30 fiori campanulati, aranciati a gola sfumata di giallo, che sbocciano quasi contemporaneamente

Tra le altre specie coltivate si ricordano la Clivia Gardenii e la Clivia Nobilis; vengono anche coltivate varietà a foglie grandi e fiori dai petali molto larghi, intensamente e variamente colorati, come ad esempio la Clivia Orange.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Pianta vigorosa e rustica ma sensibile al gelo, nelle zone più temperate viene utilizzata per bordure nei giardini, oppure coltivata in serra per la decorazione invernale degli appartamenti.

Metodi di coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Richiede se coltivata in piena terra esposizione ombreggiata, in appartamento va collocata in posizione luminosa ma non esposta alla luce diretta del sole; richiede in entrambi i casi terreno ricco di sostanze organiche, fertile e soffice, annaffiature regolari.

La moltiplicazione avviene facilmente per divisione dei cespi. Per la moltiplicazione la stagione migliore è la primavera, un mese dopo la fioritura, quando i germogli attorno al fusto principale abbiano almeno tre foglie lunghe 20 – 25 cm. Si piantano in vasi di terriccio (miscele di torba e sabbia) e si tengono in luoghi luminosi ma non assolati, bagnandoli moderatamente.

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

  • Teme il gelo che provoca facilmente il marciume dei cespi
  • L'esposizione diretta ai raggi del sole estivo provoca macchie necrotiche sull'apice delle foglie, con successivo essiccamento delle stesse.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Clivia orange

Il genere Clivia comprende le seguenti specie:

  • Clivia caulescens
  • C. gardenii
  • Clivia miniata
  • Clivia nobilis
  • Clivia orange
  • Clivia robusta
  • Clivia mirabilis

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Clivia" deriva da lady Charlotte Florentine Clive duchessa di Northumberland alla quale questa pianta è stata dedicata da John Lindley nel 1828 quando classificò per la prima volta la Clivia nobilis.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica