Claude Hagège

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claude Hagège

Claude Hagège (Cartagine, 1º gennaio 1936) è un linguista francese nato in Tunisia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo della École normale supérieure, è stato professore di linguistica al Collège de France dal 1988, con specializzazioni che spaziano dall'arabo al cinese e dall'ebraico al russo, e direttore di studi alla École pratique des hautes études.

Noto per le sue capacità di poliglotta (ha nozioni in più di cinquanta lingue diverse), si è distinto per il suo fervente supporto al ruolo internazionale della lingua francese, tema cui ha dedicato, in modo specifico, alcuni dei suoi libri.

Opere tradotte in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • L'uomo di parole, Einaudi, Torino, 1989. (titolo originale:L'homme de paroles, 1985).
  • Storie e destini delle lingue d'Europa, La Nuova Italia, Scandicci, 1995. (tit. orig.:Le souffle de la langue: voies et destins des parlers d'Europe, 1992).
  • Morte e rinascita delle lingue, Feltrinelli, Milano, 2002. (tit. orig.: Halte à la mort des langues, 2001).

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La Langue mbum de nganha cameroun - phonologie - grammaire, Klincksieck, 1970
  • Le problème linguistique des prépositions et la solution chinoise, 1975.
  • La Phonologie panchronique, PUF, 1978.
  • La structure des langues, 1982.
  • Le français et les siècles, 1987.
  • The Language Builder: an Essay on the Human Signature in Linguistic Morphogenesis, 1992.
  • L'enfant aux deux langues, 1996.
  • Le français, histoire d'un combat, 1996.
  • Combat pour le français: Au nom de la diversité des langues et des cultures, Éditions Odile Jacob, 2006.
  • Dictionnaire amoureux des langues, Éditions Plon-Odile Jacob, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]