Clarias batrachus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Clarias batrachus
Clarias batrachus.jpg

Clbat u0.png

Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Ostariophysi
Ordine Siluriformes
Famiglia Clariidae
Genere Clarias
Specie C. batrachus
Nomenclatura binomiale
Clarias batrachus
(Linnaeus, 1758)

Clarias batrachus (Linnaeus, 1758) è un pesce osseo d'acqua dolce appartenente alla famiglia Clariidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Originario dell'Asia sudorientale[1]. Vive in vari tipi di ambiente, soprattutto con acque basse, lente e fangose. Si può incontrare anche in piccole pozze e nelle risaie ma anche in fiumi di medie-grandi dimensioni. È stato introdotto in diversi paesi, talvolta con danni alle popolazioni ittiche locali[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Corpo allungato e compresso lateralmente nella parte posteriore. La mascella superiore è leggermente più lunga dell'inferiore. Può eccezionalmente raggiungere i 47 cm per 1,2 kg di peso[2].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Può respirare aria atmosferica e anche spostarsi sulla terraferma per raggiungere altri ambienti inondati[2].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Onnivoro. Si nutre di invertebrati sia acquatici che terrestri, pesci e materiale vegetale[2].

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Importante per la pesca e la piscicoltura in molti paesi tropicali[2].

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Allevato occasionalmente in grandi vasche[2].

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

È inserito nell'elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo. Commercio ed allevamento di questa specie sono vietati in vari Paesi, come la Germania e diversi stati americani, per il rischio che possa diffondersi in natura[2]. Le popolazioni naturali non sembrano minacciate[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Allen, D.J., 2013, Clarias batrachus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Clarias batrachus in FishBase. URL consultato il 09/09/2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]