Charles Martin Loeffler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Martin Loeffler

Charles Martin Loeffler (Mulhouse, 30 gennaio 1861Medfield, 19 maggio 1935) è stato un compositore e musicista tedesco naturalizzato statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Violinista e violista, ha studiato a Berlino con Joseph Joachim, Friedrich Kiel e Woldemar Bargiel e a Parigi. Nel 1881 emigrò negli Stati Uniti, dove entrò alla Boston Symphony Orchestra.

Loeffler è diventato cittadino statunitense nel 1887. Lasciata la Boston Symphony Orchestra si dedicò alla composizione.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Quartetto per archi in la minore (1889)
  • Les Vieilles de l'Ukraine, Suite per violino e orchestra (1891)
  • 4 Lieder op.5 (1893, rev.1904)
  • 9 Lieder per viola e pianoforte, (1893-94, rev.1903)
  • Quintetto per tre violini, viola e violoncello (ca.1894)
  • Ottetto per due clarinetti, due violini , viola, violoncello, contrabbasso e arpa (ca.1896)
  • La Mort de Tintagiles op.6, Poema sinfonico da Maeterlinck per due viole d'amore e orchestra (1896–7; versione del 1901 per viola d'amore e orchestra)
  • Tre Rapsodies per voce, clarinetto, viola e pianoforte (1898)
  • Due Rapsodie per oboe, viola e pianoforte (1901)
  • La Villanelle du Diable op.9 per orchestra (1901)
  • Salmo 137, op.3 per voce, due Flauti, arpa, organo e violoncello (1901)
  • Ballade carnavalesque per flauto, oboe, sassofono, fagotto e pianoforte (1902)
  • Poeme Paien (da Virgilio) per 13 strumenti (1901–02)
  • Un Poema Pagano (da Virgilio) per orchestra con pianoforte obbligato, corno inglese e tre trombe (1907)
  • 4 Poemi op.15 per voce e pianoforte (1905)
  • The Passion of Hilarion, opera in un atto (da William Sharp) (1912–13)
  • Musica per quattro strumenti ad arco per quartetto d'archi (1917, 1918–20)
  • 5 Fantasie Irlandesi per voce e orchestra (1906-20) su testi di Yeats
  • Memorie della mia Infanzia (Vita in un Villaggio Russo) per orchestra (1923)
  • Clowns, Intermezzo per Jazzband (1928)
  • Partita per violino e pianoforte (1930)
  • La Prateria Solitaria, parafrasi da due Cowboy Songs per sassofono, viola d'amore e pianoforte (1930)


Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 49420745 LCCN: n82044771