Cesario Console

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesario, meglio noto come Cesario Console o Cesario di Napoli e soprannominato anche Cesario il Valoroso (... – 870), è stato un ammiraglio italiano.

Comandò la flotta del Ducato di Napoli durante il regno di suo padre, Sergio I e del fratello Gregorio III, fra l'840 e l'870.

Nel 846 portò il contingente napoletano alla vittoria sui Saraceni a Gaeta e nell'estate del 849 capitanò una flotta costituita dalle navi della Repubblica marinara di Amalfi, di Napoli, Sorrento e Gaeta riunite nella Lega Campana, sbaragliando una flotta di navi saracene che si apprestava a sbarcare presso Ostia con l'intento di operare il saccheggio di Roma.

Cesario nell'870 fu imprigionato dal nipote, Sergio II, e morì in carcere, dove era stato rinchiuso per essersi opposto ai contatti tra il Ducato di Napoli e gli Aghlabidi musulmani.

Fu sepolto nelle Catacombe di San Gennaro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]