Cavaliere d'Eon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chevalier d'Éon

Charles-Geneviève-Louis-Auguste-André-Timothée d'Éon de Beaumont (Tonnerre, 5 ottobre 1728Londra, 21 maggio 1810) conosciuto solitamente come Chevalier d'Éon, fu un diplomatico francese, spia, soldato, avventuriero e massone che visse la sua prima metà della sua vita come uomo e l'altra metà come donna.

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

D'Éon de Beaumont nacque a Tonnerre nel dipartimento francese dello Yonne da Louis d'Éon de Beaumont, un procuratore e Françoise de Chavanson, una nobildonna. La maggior parte di ciò che è noto circa l'infanzia di d'Éon proviene dalla sua autobiografia, la cui affidabilità è dubbia.[senza fonte] D'Eon affermò poi di essere nata femmina, ma di essere stato cresciuto come un maschio perché suo padre avrebbe ereditato da suo suocero solo se avesse avuto un figlio maschio. Il titolo di 'Cavaliere', si riferisce al titolo onorifico 'chevalier des ordres du Roi', conferito dal re di Francia.

D'Eon primeggiò a scuola, diplomandosi nel 1749 al Collège Mazarin, a Parigi. Servì da segretario per l'amministratore del dipartimento fiscale e fu un censore reale.

Vita da spia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1756 D'Eon aderì alla rete segreta di spie chiamata Le Secret du Roi che lavorava per il Re Luigi XV personalmente, senza la conoscenza dell'amministrazione, e talvolta contro le politiche ufficiali ed i trattati. Il monarca lo mandò in missione segreta in Russia per incontrare l'imperatrice Elisabetta e tramare con la fazione filo-francese contro la Monarchia asburgica. I successivi racconti sostengono che vestì i panni della dama Lia de Beaumont per farlo, e divenne anche una cameriera d'onore dell'imperatrice. La carriera di D'Éon in Russia è oggetto di un romanzo di Valentin Pikul.

Nel 1761 d'Éon ritornò in Francia. L'anno successivo divenne capitano dei dragoni sotto il Maresciallo de Broglie e combatté nelle ultime fasi della Guerra dei sette anni. Fu ferito e insignito dell'Ordine di San Luigi.

Eredità[modifica | modifica sorgente]

Havelock Ellis coniò il termine "eonismo" per definire simili casi di comportamento transgender

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • Cesare Giardini - Lo strano caso del cavaliere d'Éon (1728-1810) - Mondadori, Milano, 1935.
  • Valentin Pikul. Пером и шпагой. Zvezda, 1971.
  • Gary Kates – Monsieur D'Eon Is a Woman : A Tale of Political Intrigue and Sexual Masquerade (2001) ISBN 0-8018-6731-2, Johns Hopkins University Press
  • Charles D'Eon De Beaumont - "The Maiden of Tonnerre: The Vicissitudes of the Chevalier and the Chevalière D'Eon" (2001) Johns Hopkins University Press
  • Evelyn & Maurice Lever, Le Chevalier d'Éon, une vie sans queue ni tête - Librairie Arthème Fayard (2009), ISBN 978-2-213-61630-8
  • Le Chevallier D'eon is a series of manga written by Tou Ubukata and illustrated by Kiriko Yumeji. It is published by Del Rey Manga
  • Michel de Decker- "Le Chevalier d'Éon" (1998) France-Empire
  • Jean-Michel Royer- "Le Double Je" (1986) Grasset & Fasquelle

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22151132 LCCN: n50082927