Angelo Tremamondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Domenico Malevolti Tremamondo

Angelo Domenico Malevolti Tremamondo (Livorno, 1716Eton, 1802) è stato uno schermidore e scrittore italiano, indicato dalla Encyclopaedia Britannica quale inventore della scherma sportiva moderna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Angelo Tremamondo Malevolti, nacque a Livorno nel 1716, figlio di Giacomo Tremamondo, un ricco mercante livornese che svolgeva la sua attività in via del Giardino, e di una marchesa napoletana, Angiola Malevolti.

Secondo la Encyclopaedia Britannica, "Angelo fu il primo ad enfatizzare la scherma come un metodo per sviluppare salute, equilibrio e grazia. Come risultato del suo intuito ed influenza, la scherma da arte bellica diventò un vero e proprio sport". L'Encyclopaedia Britannica definisce il suo trattato L’École des armes (1763; La scuola di scherma) un "classico".[1]

Arrivato in Inghilterra Tremamondo fondò la Angelo's School of Arms a Carlisle House, Soho, Londra, che fu frequentata da ospiti tra i più illustri dell'epoca, quali i pittori Joshua Reynolds, Thomas Gainsborough e George Stubbs, l'attore David Garrick[2] nonché gli avventurieri Giacomo Casanova[3] ed il Cavaliere d'Eon. Angelo diventò maestro di scherma della famiglia reale britannica a cui dedicò il suo L’École des armes. Le sue tavole furono riprodotte nell'Encyclopédie di Diderot.[4]

Dalla moglie Elizabeth Johnson, Angelo ebbe sei figli, tra cui Henry Charles William (1760–1839?), anch'egli divenuto celebre maestro di scherma e suo successore.

Angelo Tremamondo morì ad Eton nel 1802.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Angelo su Encyclopaedia Britannica.com
  2. ^ F.H.W. Sheppard, ed. Survey of London volume 33 The Parish of St. Anne, Soho (north of Shaftesbury Avenue), London County Council, London: University of London, 1966, pp. 143–48, British History Online
  3. ^ The Museum of Soho
  4. ^ Dictionary of National Biography.
  5. ^ Angelo Tremamondo fa sognare Livorno e inaugura gli Assoluti di scherma.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 23560502