Callithrix manicorensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uistitì di Manicore
Immagine di Callithrix manicorensis mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Cebidae
Sottofamiglia Callitrichinae
Genere Callithrix
Sottogenere Mico
Specie C. manicorensis
Nomenclatura binomiale
Callithrix manicorensis
van Roosmalen et al., 2000

Lo uistitì di Manicore (Callithrix manicorensis van Roosmalen et al., 2000) è un primate platirrino della famiglia dei Cebidi, di recente scoperta.

Deve il nome al Manicore, uno affluente del Rio delle Amazzoni lungo il corso del quale la specie è stata scoperta, 300 km circa a sud di Manaus.

Misura circa 50 cm, di cui più della metà spetta alla lunga coda, per un peso di circa 350 g. Il pelo bianco con sfumature argentate sul dorso: la testa ed il collo sono grigiastri, mentre il ventre è giallo-arancio e la coda nera. La faccia è nuda e grigio-rosata, così come le orecchie. Caratteristica di questa specie è la fronte sfuggente, che dà a questo animale un aspetto perennemente nervoso o pensieroso.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione delle nuove specie scoperte di van Roosmalen

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi