CaixaForum Barcelona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vestibolo del CaixaForum di Barcellona. Si può notare la scultura Ambiente spaziale num. 51-A1 di Lucio Fontana, del 1951, e il murales Splat di Sol LeWitt, del 2001.
L'entrata e il vestibolo.

CaixaForum Barcelona è un centro culturale creato dalla Caixa d'Estalvis i Pensions de Barcelona nell'ambito della sua fondazione culturale (Fondazione "La Caixa"). È pensato per ogni tipo di pubblico e conta su di un'ampia offerta sociale, culturale ed educativa.

Si trova alle falde di Montjuïc a Barcellona e occupa l'antica Fàbrica Casaramona, edificio modernista progettato da Josep Puig i Cadafalch e recentemente restaurato per lo scopo.

Equipaggiamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sale per esposizioni; occupano le antiche navate della fabbrica tessile, sono ampie e luminose. In totale occupano 3.000 m² distribuiti in tre sale.
    • Si tengono esposizione temporanee riferite alle grandi culture del passato, all'arte moderna e contemporanea, ai grandi maestri della fotografia del XX secolo e alle tendenze dell'arte plastica contemporanea.
    • Alcune delle esposizioni sono dedicate alla collezione d'arte contemporanea della Fondazione. La collezione della Fondazione conta con più di 200 opere ed è una delle più importanti di tutta la Spagna. La collezione è formata da opere d'arte spagnole dal modernismo fino ai giorni nostri, l'arte internazionale è rappresentata da opere di Donald Judd, Jannis Kounellis, Bruce Nauman, Gerhard Richter o Sigmar Polke. L'opera "L'abitazione di Piombo (Camera di Dolore)" di Joseph Beuys, è esposta in maniera permanente.
  • Mediateca. Situata negli antichi magazzini della fabbrica Casaramona. Possiede un moderno equipaggiamento audiovisivo, con l'obbiettivo di poter offrire al pubblico l'accesso alle sue fonti documentali e artistiche sulla "Media Art" (manifestazione dell'arte in relazione all'ambito delle teconolgie di comunicazione), nel suo significato più ampio, dalla videoarte, la videodanza, fino alla fotografia artistica, il cinema e i documentari di creazione.
    • La Collezione di Media Art.
    • Dalla sua inaugurazione nel 1994, la Mediateca ha dedicato molti dei suoi sforzi a costituire una collezione video con l'obbiettivo di mettere a disposizione del pubblico opere imprescindibili per il contesto della cultura audiovisiva contemporanea.
    • La collezione è formata da lavori di differenti artisti, tanto di ambito internazionale come di ambito nazionale e combinano le creazione attuali con uno dei più importanti archivi spagnoli.
  • Auditorium. Nel piano interrato, con una capacità di 350 persone. Ha un sistema che permette di cambiare il rivestimento sonoro della sala a seconda delle differenti attività ospitate: musca, cinema, conferenze, ecc.
  • Aule. Ha due sale con una capacità di poco superiore alle 100 persone, che occupano rispettivamente le due torri della faccita principale, qui si tengono attività letterarie, corsi e laboratori.
  • caffetteria-ristorante
  • Book-Shop
  • Vestibolo. Si possono ammirare due opere emblematiche: l'affresco murale che Sol LeWitt realizzò nel 2001 per il centro e la nuvola di neon di Lucio Fontana realizzata per la Triennale di Milano del 1953.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]