Budorcas taxicolor bedfordi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Takin dorato[1]
Takin 1427.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Caprinae
Genere Budorcas
Specie B. taxicolor
Sottospecie B. t. bedfordi
Nomenclatura trinomiale
Budorcas taxicolor bedfordi
Thomas, 1911

Il takin dorato (Budorcas taxicolor bedfordi Thomas, 1911) è una delle quattro sottospecie di takin.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Morfologicamente identico alle altre sottospecie, si differenzia da esse per il mantello colore bianco-giallo sfumato al dorato, con parte nere meno numerose che negli altri takin.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale del takin dorato è confinato ai monti Qinling, nello Shaanxi meridionale (Cina), ad altezze comprese tra i 1500 e i 3600 m, zone che costituiscono anche una delle ultime roccaforti del panda gigante. Vive sulle pareti rocciose scoscese e sui pendii molto ripidi, ai margini della zona alberata, e preferisce le zone ricche di boschetti di bambù. L'intera popolazione selvatica conta ormai poche centinaia di individui rigorosamete protetti.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I takin dorati hanno sviluppato vari adattamenti per rimanere caldi e asciutti durante i mesi invernali. Uno spesso strato di peli secondari li protegge dal freddo e il loro grande muso simile a quello dell'alce presenta vasti seni nasali che riscaldano l'aria inspirata per prevenire una perdita di calore corporeo durante la respirazione. Nonostante sia priva di ghiandole sebacee, la loro pelle secerne una sostanza oleosa che costituisce una sorta di barriera umida che li ripara dagli elementi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Budorcas taxicolor bedfordi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Song, Y.-L., Smith, A.T. & MacKinnon, J. 2008, Budorcas taxicolor bedfordi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi