Bruno Branciforte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Branciforte
6 novembre 1947 - vivente
Nato a Napoli
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Naval Ensign of Italy.svg Marina Militare
Corpo stato maggiore
Specialità TLC/IOC
Anni di servizio 1965 - oggi
Grado ammiraglio di squadra
Comandante di
Decorazioni
  • Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
  • Medaglia Mauriziana al “Merito per dieci lustri di carriera militare”
  • Croce d’oro per “anzianità di servizio
  • Medaglia d’oro al “Merito di lungo Comando”
  • Medaglia d’onore di lunga navigazione di 2° grado (Argento)
  • Croce commemorativa per l’Operazione ” Enduring Freedom”
  • Legione di Merito rilasciata dal presidente degli Stati Uniti d’America
  • Medaglia al merito “Tamandarè” conferita dal presidente della Repubblica del Brasile
  • Grande Ufficiale dell’Ordine al merito navale della Repubblica Federativa del Brasile
Studi militari Accademia Navale
Scuola di Comando Navale
Istituto di guerra marittima

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Bruno Branciforte (Napoli, 6 novembre 1947) è un militare italiano.

Ammiraglio di squadra della Marina Militare Italiana, già direttore del SISMI, è stato il primo direttore dell'Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato in Scienze marittime e navali, tra il 1979 e il 1985 ha diretto il Centro operativo intelligence e poi il Settore ricerca in seno allo stato maggiore della Marina.

Nel 2004 è stato nominato prima ammiraglio di squadra e poi comandante in capo della squadra navale, incarico ricoperto fino al 2006.

Dal 2006 al 2010 è stato direttore prima del SISMI e poi dell'AISE.

Dal 23 febbraio 2010[1] al 1º marzo 2012, è stato capo di stato maggiore della Marina, avvicendando l'ammiraglio Paolo La Rosa e sostituito dall'amm. Luigi Binelli Mantelli.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 2007[2]
Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare
Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni)
Medaglia di bronzo per “Lunga navigazione della Marina Militare” (15 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo per “Lunga navigazione della Marina Militare” (15 anni)
Croce per anzianità di servizio militare (Croce d'oro per ufficiali ed i sottufficiali con 40 anni di servizio) - nastrino per uniforme ordinaria Croce per anzianità di servizio militare (Croce d'oro per ufficiali ed i sottufficiali con 40 anni di servizio)
Croce commemorativa delle Operazioni in Afghanistan "Enduring Freedom" - nastrino per uniforme ordinaria Croce commemorativa delle Operazioni in Afghanistan "Enduring Freedom"
Legionario della Legione di Merito (U.S.A.) - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legione di Merito (U.S.A.)
Medalha do Mérito Tamandaré (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Medalha do Mérito Tamandaré (Brasile)

[3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ D.P.R. 14 gennaio 2010.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ scheda sul sito della Marina Militare
  4. ^ L'Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte sostituisce l’Ammiraglio di Squadra Paolo La Rosa nell'incarico di Capo di Stato Maggiore della Marina

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore dell'Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna Successore
Nicolò Pollari (Direttore SISMI) 21 novembre 2006 - 4 febbraio 2010 Adriano Santini
Predecessore Capo di stato maggiore della Marina militare italiana Successore Flag of the chief of staff of the Marina Militare.svg
Paolo La Rosa 23 febbraio 2010 - 1º marzo 2012 Luigi Binelli Mantelli