Brendan Croker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brendan Croker
Brendan Croker
Brendan Croker
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Pop rock[1]
Blues rock[1]
Roots rock
Periodo di attività anni ottanta – in attività
Strumento Chitarra
Gruppi e artisti correlati Brendan Croker & the 5 O’Clock Shadows, The Notting Hillbillies, Brendan Croker & The Serious Offenders, Jon Langford, Kevin Coyne
Sito web

Brendan Christopher Croker (Bradford, 15 agosto 1953[1]) è un cantautore, chitarrista e compositore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo le prime esperienze musicali in periodo scolastico, durante il quale canta nel gruppo Dynamite Twins, negli anni ’70 studia scultura all’Art College dello Sheffield Polytechnic[2] conseguendo un Bachelor of Arts.

A Leeds viene in contatto con il chitarrista-liutaio Steve Phillips, una sorta di filologo del delta blues, con cui forma il duo Nev & Norris. Negli anni ’80 fa la sua apparizione su diversi dischi il cui ricavato è destinato a iniziative di carattere sociale e contemporaneamente, formato il gruppo The Five O’Clock Shadows, incide il suo vero esordio discografico – A Close Shave – un disco di cover uscito per la Unamerican Activities nel 1986. Con i 5 O’Clock Shadows, la cui formazione nel frattempo viene ampiamente rimaneggiata, registra altri due dischi: uno per la Red Rhino e uno, omonimo e contenente stavolta canzoni originali, per la major Silvertone nel 1989. Per la Silvertone era già uscito l’anno prima il disco On the Big Hill, colonna sonora di un documentario su una spedizione britannica sul monte Everest, composta a quattro mani con Guy Fletcher; la stessa etichetta avrebbe poi ristampato anche il precedente Boat Trips in the Bay, del 1987, altro album costituito in buona parte da cover.

Nel frattempo, un progettato album in duo con Steve Phillips finisce per diventare, nel 1990, il fortunato Missing...Presumed Having a Good Time dei Notting Hillbillies, gruppo che include anche i due membri dei Dire Straits Guy Fletcher e Mark Knopfler (il quale pure aveva suonato a fianco di Phillips negli anni ’70) e il chitarrista pedal-steel Paul Franklin.

Sciolti i cosiddetti Shads, all’inizio degli anni ’90, Croker pubblica un album interamente strumentale dedicato alle origini della chitarra country-blues in America e uno con Jon Langford sotto il nome di Dim Subooteyo; quindi si trasferisce per un certo periodo a Nashville, dove registra il disco The Great Indoors, a cui partecipano tra gli altri, oltre ai già citati Knopfler e Franklin, Chet Atkins, Tony Joe White e Barry Beckett. Terminato il rapporto con la Silvertone, le successive uscite discografiche vedono l’attività di Croker gravitare soprattutto attorno al Belgio, dove incide due dischi con i Serious Offenders e ne pubblica altri due a cavallo della metà degli anni ’90. L’ultimo disco pubblicato, Life Is Almost Wonderful, risale al 2002 e lo vede come coautore e chitarrista al fianco di Kevin Coyne.

Sul piano musicale, Croker ha continuato la sua carriera soprattutto attraverso serie tematiche di concerti (le Dying to Sing Nights, dedicate ai musicisti che hanno “sacrificato” le proprie vite per arricchire le vite altrui, e il tour What Part of NO Is It You Don’t Understand?, dedicato alle canzoni di protesta), e alcuni tour di nuovo assieme a Steve Phillips o con Bruno Deneckere. Negli ultimi anni ha però ripreso a dedicarsi alla scultura, effettuando alcune esposizioni in Belgio (We Only Look Like Fools nel 2008 e How We See Things nel 2010).

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Brendan Croker.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Brendan Croker su All Music Guide
  2. ^ Steve Phillips, booklet dell’album Just Pickin’, Buried Treasure TROV2, 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]