Ben Katchor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ben Katchor (New York, 1951) è un fumettista statunitense.

Nel 1993 fu il soggetto di un lungo profilo scritto da Lawrence Weschler nel The New Yorker[1]. Successivamente, ha vinto un Obie Award per la sua collaborazione con Bang on a Can su The Carbon Copy Building, un fumetto basato su suoi testi e disegni che è stato presentato nel 1999. Lo stesso anno è stato il soggetto di Pleasures of Urban Decay un documentario del regista Samuel Ball.

È stato il primo fumettista a ricevere la MacArthur Foundation Fellowship, Katchor ha anche ricevuto la Guggenheim Fellowship ed è membro della Accademia americana a Berlino.

I suoi fumetti sono stati tradotti in italiano, francese e giapponese. Attualmente disegna settimanalmente una striscia, Shoehorn Technique, per The Forward.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cheap Novelties: The Pleasures of Urban Decay (Penguin, 1991)
  • Julius Knipl, Real Estate Photographer: Stories (Little, Brown & Co., 1996)
  • Julius Knipl, Real Estate Photographer: The Beauty Supply District (Pantheon Books, 2000)
  • The Jew of New York (Pantheon Books, 1998)
  • Picture Story 2 (editor and contributor) (self-published, 1986)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lawrence Weschler, "A Wanderer in the Perfect City," New Yorker, 9 August 1993, 58-66.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51873246 LCCN: n96054532