Battle Royale (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battle Royale
Autore Koushun Takami
1ª ed. originale 1999
1ª ed. italiana 2009
Genere Romanzo
Lingua originale giapponese

Battle Royale è l'opera prima dello scrittore giapponese Koushun Takami edito nel 1999 e pubblicato in Italia nel 2009.

La prima edizione italiana presenta sul risvolto anteriore e posteriore di copertina la mappa dell'isola in cui è ambientata la vicenda, assente nelle edizioni successive.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella "Repubblica della Grande Asia", uno Stato totalitario geograficamente localizzato nel Giappone della realtà, vige il BR Act. Secondo tale legge, ogni anno viene scelta tramite sorteggio una classe di terza media per partecipare al cosiddetto Programma. Il gioco consiste in una lotta all'ultimo sangue in cui i giovani e sorpresi (perché tenuti all'oscuro di tutto, e trasportati sul posto con l'inganno) partecipanti devono impugnare l'arma, affidata loro a caso, contenuta in uno zaino e uccidersi a vicenda in un luogo scelto appositamente dal governo, precedentemente evacuato: in questa edizione si tratta di un'isola deserta e sconosciuta. Per costringerli a partecipare, tra i vari espedienti c'è un collare che fornisce al centro di controllo la posizione degli studenti e che esplode in caso di fuga o di ammutinamento. L'obiettivo è che rimanga un solo superstite, l'unico che potrà fare ritorno a casa. Gli studenti sono 42, 21 maschi e 21 femmine.

Nel 2000, Kinji Fukasaku ha diretto l'omonimo film.

Nel 2002, Koushun Takami ha sceneggiato il manga tratto dalla storia dei 42 ragazzi, disegnata da Masayuki Taguchi.

Differenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel romanzo il responsabile della classe durante lo scontro si chiama Sakamochi, nel manga Kamon, e nel film Kitano (interpretato da Takeshi Kitano).

Nel manga la morte di Hirono Shimizu è causata da una caduta in un profondissimo pozzo e non da strangolamento come nel romanzo.

  • Nel romanzo Takako Chigusa schiaccia la membrana oculare di Niida accecandolo e gli conficca il proprio rompighiaccio in bocca uccidendolo.

Nel manga Takako gli stacca un occhio e lo fa cadere di schiena sopra di lei per conficcargli un dardo della balestra a lui appartenuta nella nuca e farglielo uscire dalla lingua, sfigurandolo orribilmente e uccidendolo senza pietà.

  • Nel romanzo Mitsuko Souma è presentata come una ragazza temibile ma bellissima che ha avuto un'infanzia trumatica, causata da stupri, omicidi e una situazione familiare drammatica.

Nel manga si parla dell'amore che aveva verso il padre, partito per una questione governativa e mai più ritornato dalla figlia, lasciata in preda alla follia della madre alcolizzata. Mitsuko riceve in dono un anello dal genitore e non se lo toglierà più per tutto il resto della sua vita. È approfondito anche l'aspetto del sex-appeal che la giovane instaura diabolicamente con i ragazzi della scuola per sedurli e ucciderli. Mitsuko è uccisa da Kazuo Kiriyama che le spara più volte, finendola con una raffica di colpi sul viso, che esplode.

  • Nel romanzo Yoshitoki Kuninobu è colpito da una raffica di colpi lungo il corpo.

Nel manga gli viene fatta esplodere un pezzo di bocca con un proiettile e ucciso.

Nel film gli viene fatto esplodere il collare, che gli apre la gola.

  • Nel romanzo sono approfondite storie d'amore come quelle di Yoshimi Yahagi e Yoji Kuramoto, nonché di Sakura Ogawa e Kazuhiko Yamamato, Takako Chigusa e Hiroki Sugimura, Shogo Kawada e Keiko Onuki e la doppia cotta di Yukiko e Yumiko.
  • Nel film Kazuo Kiriyama viene ucciso da Kawada con un fucile che farà esplodere il collare.

Nel manga viene ucciso da Nanahara con la pistola di Mimura, colpendolo alla gola.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]