Battle Royale (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Battle Royale
manga
Copertina del secondo volume
Copertina del secondo volume
Titolo orig. バトル・ロワイアル
(Batoru Rowaiaru)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Koushun Takami
Disegni Masayuki Taguchi
Editore Akita publishing
1ª edizione 30 novembre 2000 – 20 aprile 2005
Tankōbon 15 (completa)
Editori it.
1ª edizione it. Maggio 2003 – Agosto 2005
Collanaed. it. BOYS2COMIX
Periodicità it. bimestrale
Volumi it. 15 (completa)
Formato it. 13 × 18 cm
Lettura it. originale (da destra a sinistra)
Target seinen
Generi azione, drammatico
Temi violenza, amicizia
Cronologia
  1. Battle Royale
  2. BR II - Blitz Royale

Battle Royale (バトル・ロワイアル Batoru Rowaiaru?), abbreviato in BR o BR act, è un manga seinen tratto dall'omonimo romanzo. È opera di Koushun Takami, l'autore del romanzo, e del mangaka Masayuki Taguchi. È ambientato nell'immaginaria Repubblica della grande Asia, che si trova ipoteticamente al posto del reale Giappone, un regime totalitario in conflitto con tutti gli stati del mondo e governato da un dittatore chiamato l'Egemone.

Oltre al manga, dal romanzo è stato tratto un film, Battle Royale, con Takeshi Kitano, diretto da Kinji Fukasaku, con una storia simile ma una trama abbastanza autonoma.

Esiste anche un seguito del manga, opera di Hiroshi Tomizawa, chiamata Battle Royale: Blitz Royale. Solo lo spunto di fondo è in comune con il sequel del primo film, Battle Royale II: Requiem, diretto da Kinji e Kenta Fukasuku (2003), ma la trama è completamente differente.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nella Repubblica della Grande Asia, uno stato totalitario geograficamente localizzato nel Giappone della realtà, vige il BR act. Secondo tale legge, ogni anno viene scelta tramite sorteggio una classe di terza media (o meglio, il suo equivalente nel sistema scolastico giapponese) per partecipare al cosiddetto Programma. Il gioco consiste in una lotta all'ultimo sangue in cui i partecipanti devono uccidersi a vicenda in un luogo scelto appositamente dal governo, precedentemente evacuato. Per costringerli a partecipare, tra i vari espedienti c'è un collare che fornisce al centro di controllo la posizione degli studenti e che esplode in caso di fuga o di ammutinamento. Ai partecipanti è fornita un'arma con criteri assolutamente casuali (dalle mitragliatrici ai coperchi di pentola), in modo da uniformare, affidandole completamente al caso, le possibilità di sopravvivenza. L'obiettivo è che rimanga un solo superstite, l'unico che potrà fare ritorno a casa.

Il manga ha per protagonisti gli studenti di una delle classi sorteggiate: la classe 3-B dell'istituto Shiroiwa, 21 maschi e 21 femmine. Il loro Programma si svolgerà su un'isola evacuata.

Si delineano subito fra gli studenti due diversi approcci alla situazione: quelli che si rifiutano di partecipare al gioco, e cercano il modo di ribellarsi al governo, e quelli che accettano di combattere. Mentre questi ultimi si muovono in genere da soli, i "ribelli" formano diversi gruppi ed attuano diverse strategie per porre termine al gioco. L'attacco diretto alla sede del centro di comando e al capo dell'operazione, il professor Yonemi Kamon, progettato dall'hacker e ribelle anti-governativo Shinji Mimura, fallisce drammaticamente, mentre i membri della classe continuano a morire uno dopo l'altro.

Shogo Kawada, sedicente sopravvissuto alla precedente edizione, affermando di conoscere una via di fuga (che però non vuole rivelare) guadagna la fiducia di Shuya Nanahara (un rocker da strapazzo): Shuya infatti non intende rinunciare alla speranza di portare fuori da quell'inferno tutti i suoi compagni, e si rifiuta categoricamente di uccidere chicchessia. I due, assieme a Noriko Nakagawa, tentano di convincere anche altri ad unirsi al loro gruppo (fra cui il campione di kenpo Hiroki Sugimura, alla disperata ricerca di qualcosa), ma devono continuamente fare i conti con innumerevoli morti.

Soprattutto il gelido Kazuo Kiriyama, incredibilmente intelligente e fortissimo nel combattimento e nell'uso di ogni genere di armamenti e la bellissima Mitsuko Souma, si rivelano assolutamente senza pietà, e costituiscono la minaccia più pericolosa presente sull'isola, avendo deciso di stare al gioco e di lottare per sopravvivere.

I partecipanti al Programma[modifica | modifica sorgente]

Gli studenti Le studentesse
Numero Nome Numero Nome
1 Akamatsu, Yoshio 1 Inada, Mizuho
2 Iijima, Keita 2 Utsumi, Yukie
3 Oki, Tatsumichi 3 Eto, Megumi
4 Oda, Toshinori 4 Ogawa, Sakura
5 Kawada, Shogo 5 Kanai, Izumi
6 Kiriyama, Kazuo 6 Kitano, Yukiko
7 Kuninobu, Yoshitoki 7 Kusaka, Yumiko
8 Kuramoto, Yoji 8 Kotohiki, Kayoko
9 Kuronaga, Hiroshi 9 Sakaki, Yuko
10 Sasagawa, Ryuhei 10 Shimizu, Hirono
11 Sugimura, Hiroki 11 Souma, Mitsuko
12 Seto, Yutaka 12 Tanizawa, Haruka
13 Takiguchi, Yuichiro 13 Chigusa, Takako
14 Tsukioka, Sho 14 Tendo, Mayumi
15 Nanahara, Shuya 15 Nakagawa, Noriko
16 Niida, Kazushi 16 Nakagawa, Yuka
17 Numai, Mitsuru 17 Noda, Satomi
18 Hatagami, Tadakatsu 18 Fujiyoshi, Fumiyo
19 Mimura, Shinji 19 Matsui, Chisato
20 Motobuchi, Kyoichi 20 Minami, Kaori
21 Yamamoto, Kazuhiko 21 Yahagi, Yoshimi

Temi[modifica | modifica sorgente]

Il manga (come del resto il romanzo e il film) ha una storia particolarmente violenta, tanto da avere scatenato in Giappone violente polemiche e un interesse nazionale. Proprio a seguito di questo controverso successo, l'autore del romanzo, Koushun Takami, ha deciso con il mangaka Masayuki Taguchi di farne una versione fumettistica.

L'intenzione dell'autore è quella di sublimare in una storia particolarmente scioccante la denuncia verso la logica della società giapponese, a suo dire mortalmente competitiva, cui i ragazzi sono costretti fin dalla scuola. Sono presenti anche altri temi: la situazione estrema in cui sono costretti i partecipanti al Programma, per esempio, funge anche da prova del fuoco per le loro relazioni interpersonali, fornendo uno spunto molto interessante (e certamente drammatico) sulla differenza fra un'amicizia autentica ed una di facciata.

Molti studenti sono poi la rappresentazione di diversi tipi umani, caratteristica propria molto più del manga, poi persa nel film di Fukasaku (a favore di una caratterizzazione più articolata dei personaggi). Si trovano i caratteri tipici dell'otaku, del ragazzo viziato, del teppista, della ragazza senza scrupoli, del ribelle, del sognatore, dell'introverso, dell'anima gentile, dell'opportunista, e di molti altri, in una sorta di gara mortale fra loro per determinare il più adatto a sopravvivere.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga