Azzo di Lotaringia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Azzo di Lotaringia, detto anche Erenfredo (955 circa – 21 marzo 1034), conte palatino di Lotaringia della dinastia degli Azzoni, era figlio di Ermanno I.

Avendo sposato Matilde di Sassonia (m. 1025), figlia dell'imperatore Ottone II e di Theophanu, ebbe un ruolo importante durante il regno del cognato, l'imperatore Ottone III.

Il suo potere crebbe quando ottenne le regioni della Turingia e della Franconia che la moglie ricevette come possesso esterno agli Ottoni. Candidato al trono imperiale alla morte di Ottone III, ricevette altri territori (Kaiserswerth, Duisburg e Saalfeld) in cambio della rinuncia al trono, rendendolo l'uomo più potente nell'impero dopo l'imperatore stesso.

Con il successore di Ottone, l'imperatore Enrico II le relazioni divennero sempre più tese dopo il 1010.

Dalle cronache si sa essere morto molto anziano a Saalfeld, il 21 marzo 1034.

Fondò l'abazia di Brauweiler presso Colonia, il luogo ove venne celebrato il suo matrimonio, la quale venne consacrata nel 1028 da Pellegrino, arcivescovo di Colonia. Azzo e sua moglie vennero sepolti a Brauweiler.

Secondo leggende riminesi, Azzo e Matilde avrebbero avuto come figlio un certo Malatesta I" detto "il Tedesco", che sarebbe stato il capostipite dei Malatesta signori di Rimini.

Predecessore Conte palatino di Lotaringia Successore
Ermanno I 1015-1034 Ottone II