Astrochelys yniphora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Testuggine dal vomere
Astrochelys yniphora.jpg
Astrochelys yniphora
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Classe Sauropsida
Sottoclasse Anapsida
Ordine Testudines
Sottordine Cryptodira
Famiglia Testudinidae
Genere Astrochelys
Specie A. yniphora
Nomenclatura binomiale
Astrochelys yniphora
(Vaillant, 1885)
Sinonimi

Angonoka yniphora
Geochelone yniphora
Testudo yniphora

Areale

Madagascar Angonoka range map template.svg

La testuggine dal vomere (Astrochelys yniphora (Vaillant, 1885)), è una testuggine endemica del Madagascar ove è nota come angonoka.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta un carapace a cupola di colore marrone chiaro. Il piastrone presenta uno scuto gulare che si proietta in avanti tra le zampe anteriori.[3]

I maschi sono più grandi delle femmine. La lunghezza media di un maschio adulto è di 414.8 mm (range 361–486 mm) per un peso medio di 10.3 kg (range 7.2-18.9 kg). Le femmine misurano in media 370.1 mm (range 307–426 mm) e pesano mediamente 8.8 kg (range 5.5–12 kg).[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'attuale areale di questa specie è ristretto ad un'area di non oltre 60 km² nella regione della baia di Baly nel Madagascar nord-occidentale.

L'area si caratterizza per la presenza di una densa foresta di bambù, contigua alla foresta decidua secca su un versante e a una fitta mangrovia sull'altro.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

È una specie erbivora, che predilige le foglie e i germogli di Bauhinia spp. e Terminalia spp.[5]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

A. yniphora raggiunge la maturità sessuale intorno ai 15 anni.[5] La stagione riproduttiva va da gennaio a maggio ed ogni covata è composta da 1-6 uova.[6]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie è inserita nell'Appendice I della Convenzione di Washington ed è considerata in pericolo critico di estinzione dalla Lista rossa IUCN (Critically Endangered).[1]

Dal 2005 il suo areale è protetto all'interno del Parco nazionale della Baia di Baly.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Leuteritz, T. & Pedrono, M. (Madagascar Tortoise and Freshwater Turtle Red List Workshop) 2008, Astrochelys yniphora in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Astrochelys yniphora in The Reptile Database. URL consultato il 23 giugno 2013.
  3. ^ Ernst CH, Altenburg RGM, Barbour RW, Geochelone yniphora in =Turtles of the World, National Node of the Global Biodiversity Information Facility. URL consultato il 24 giugno 2013.
  4. ^ Pedrono M. & Markwell T, Maximum size and mass of the ploughshare tortoise, Geochelone yniphora in Chelonian Conservation and Biology, vol. 4, nº 1, 2001, p. 190.
  5. ^ a b Smith LL, Reid D, Robert B, Joby M and Clement S., Status and distribution of the angonoka tortoise (Geochelone yniphora) of western Madagascar in Biological Conservation, vol. 91, 1999, pp. 23-33.
  6. ^ Pedrono M, Smith LL, Sarovy A, Bourou R and Tiandray H, Reproductive ecology of the Ploughshare Tortoise (Geochelone yniphora) in Journal of Herpetology, vol. 35, 2001, pp. 151-156.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Glaw F. and Vences M., Amphibians and Reptiles of Madagascar, 3rd edition, Köln, M. Vences and F. Glaw Verlags GbR., 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]