Armandino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armandino
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività 1942-1990
Etichetta Philips, Cetra, Pig

Armando Zingone, noto con lo pseudonimo Armandino (Napoli, 1º gennaio 1922Napoli, 22 ottobre 2011), è stato un cantante, chitarrista e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver iniziato a suonare nei locali della sua città, l'occasione di farsi conoscere a livello nazionale arriva nel 1943, quando Marino Marini, dopo averlo ascoltato, gli propone di entrare nel suo complesso come chitarrista.

Alla fine del decennio entra nel gruppo di Peter Van Wood, come bassista e cantante finché, nel 1953, forma una sua orchestra, denominata Armandino e il suo quintetto, con cui si esibisce in molti locali in tutta Italia, tra cui il Club 84, il Rupe Tarpea ed il Teatro Ambra Jovinelli, e con cui incide per varie etichette, tra cui la Philips e la Cetra.

Tra i musicisti alla chitarra vi è Raf Montrasio, che nel 1957 lascia il complesso per entrare in quello di Renato Carosone.

Nei suoi spettacoli propone canzoni napoletane, latino-americane e classici della musica leggera italiana; tra i suoi successi ricordiamo Bruceme 'a vocca e Chiove.

Il gruppo appare anche, nel 1963, nel musicarello Canzoni in Bikini di Giuseppe Vari; a metà degli anni '70 Armandino scioglierà il complesso, e si dedicherà al pianobar.

Si è anche dedicato alla recitazione, recitando in alcuni film tra cui I due vigili nel 1967 per la regia di Giuseppe Orlandini e Un momento particolare nel 1990 per la regia di Enrico Maria Salerno; dopo quest'ultima esperienza decide di ritirarsi, abbandona Roma e si trasferisce a Poggio Catino.

Attualmente era ritornato vicino alla sua zona d'origine e viveva a Procida.

È deceduto il 22 ottobre 2011 a Napoli, presso il policlinico Federico II all'età di 89 anni.

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

78 giri[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

45 giri[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]