Arba'ah Turim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Arba'ah Turim in ebraico: אַרְבַּעָה טוּרִים ?, spesso chiamato semplicemente Tur, è un importante Codice halakhico, composto da Yaakov ben Asher (Colonia, 1270 - Toledo c.1340, chiamato anche "Ba'al ha-Turim", "Autore del Tur"). La struttura in quattro parti del Tur e le sue divisioni in capitoli (simanim) furono adottate dal successivo codice Shulchan Arukh.

Disposizione e contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Come implica il suo nome, Arba'ah Turim, comprende quattro divisioni ("Turim"), le quali vengono ulteriormente suddivise per temi e sezioni (siman, plur. simanim). [1]

Le quattro Turim sono:

Nell'Arba'ah Turim Rabbi Jacob traccia la legge pratica ebraica dalla Torah ed i dicta del Talmud fino ai Rishonim. Usa il codice di Rabbi Isaac Alfasi come punto di partenza; queste opinioni vengono poi confrontate con quelle di Maimonide e quelle delle tradizioni ashkenazite contenute nella letteratura tosafista. Al contrario della Mishneh Torah di Maimonide, il Tur non si limita a posizioni normative ma confronta le varie opinioni su ogni punto controverso.[2] Arba'ah Turim differisce dalla Mishneh Torah anche per il fatto che tratta solo di argomentazioni della Legge ebraica che si applicano alla Diaspora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shulchan Aruch contiene una divisione aggiuntiva in paragrafi (sa'if, plur. se'ifim), che è incorporata in alcune edizioni dell'Arba'ah Turim per permettere un confronto punto per punto. Cfr. anche Historical background to the Shulchan Arukh dalla ed. 1906 di dominio pubblico della Jewish Encyclopedia
  2. ^ Nella maggioranza dei casi Rabbi Jacob segue le decisioni di suo padre, Rabbi Asher ben Jehiel, il Rosh.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]