Antonio Maria Lucchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Maria Lucchini o Luchini (Venezia, 1690 circa – Venezia, dopo il 1730) è stato un librettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Egli apparteneva al ceto medio veneziano. Il suo primo libretto conosciuto fu messo in musica da Antonio Lotti nel 1716. Nel 1717 Lucchini si recò a Dresda, dove operò come librettista di corte. Ivi il principe eridatario Federico Augusto II non apprezzava particolarmente i suoi libretti, perciò fece della composizione di testi per oratori, serenate e messe l'attività principale di Lucchini, così come la rielaborazione di altri libretti. Egli tuttavia scrisse due testi d'opera per Dresda, entrambi sempre per Lotti. Il suo soggiorno a Dresda terminò improvvisamente a causa di un suo coinvolgimento in uno scandalo con una signora. Tornò dunque in Italia, dove tra il 1720 e il 1730 scrisse libretti per i teatri romani e veneziani.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La dote di Lucchini fu ampiamente sottovalutata da Federico Augusto II; il suo stile appare certamente convenzionale, ma tuttavia all'altezza del suo tempo.

Libretti[modifica | modifica wikitesto]