Alvinella pompejana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alvinella pompejana
Alvinella pompejana01.jpg
Alvinella pompejana
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
(clade) Lophotrochozoa
Phylum Annelida
Classe Polychaeta
Sottoclasse Palpata
Ordine Canalipalpata
Sottordine Terebellida
Famiglia Alvinellidae
Genere Alvinella
Specie A. pompejana
Nomenclatura binomiale
Alvinella pompejana
Desbruyéres and Laubier, 1980
Sinonimi

Alvinella pomejana

Nomi comuni

Verme di Pompei

Alvinella pompejana (detto anche verme di Pompei) è un verme marino policheto, scoperto nel 1979, che vive solo in prossimità delle fumarole nere dei fondali oceanici, in condizioni ambientali estreme (acqua caldissima e molto acida).

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

Alvinella pompejana fu identificata nel 1979 dai biologi francesi Daniel Desbruyères e Lucien Laubier, presso le fumarole nere scoperte appena due anni prima sui fondali al largo delle isole Galapagos, nell'Oceano Pacifico [1].

Il nome del nuovo genere fu dedicato al sommergibile Alvin usato per l'esplorazione.

Il nome dell'unica specie si riferisce alla città di Pompei, per l'analogia suggerita dall'origine vulcanica delle fumarole.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il verme di Pompei raggiunge una lunghezza di 10–15 cm e, come è norma per i Policheti, vive all'interno di un tubo sottile. La parte anteriore ha aspetto simile a tentacoli (ma in realtà sono branchie), di colore rosso vivo. Il resto del corpo è grigio pallido.

Il dorso è ricoperto di lunghi filamenti grigio cenere, simili a peli, che sono in realtà colonie di batteri filamentosi del gruppo degli Proteobacteria Epsilon. Questi batteri vivono in simbiosi con il verme, in prossimità di ghiandole che secernono muco. I benefici di questa simbiosi per il verme non sono stati ancora perfettamente chiariti; in un primo momento era stata ipotizzata una funzione semplicemente d'isolamento termico [2], ma oggi sembra che i batteri in realtà svolgano una funzione autotrofica importante per la nutrizione del verme [3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Alvinella pompejana è endemica del Pacifico orientale, dove vive esclusivamente sui fondali abissali, a profondità di 2000–3000 m. Oltre che nell'area delle Galapagos, è stato trovato anche al largo del Costa Rica [4].

La peculiarità di Alvinella è di vivere in prossimità di sorgenti idrotermali caldissime, a contatto con acque che raggiungono anche 80 °C. Da questo punto di vista, è considerata una delle specie animali più resistenti al calore [5]. In realtà, all'interno dei tubi in cui vivono questi vermi si creano fortissime differenze di temperatura: mentre la coda sta a 80 °C, le branchie stanno a 20 °C.

Anche molto particolare è la capacità del verme di Pompei di sopravvivere in acque ricche di zolfo, presente in particolare sotto forma di acido solfidrico (velenoso e acido) e di solfuro di ferro in soluzione.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Poiché le singole fumarole nere non durano a lungo (tipicamente circa vent'anni), anche se continuamente se ne formano di nuove in altri punti, i vermi di Pompei devono affidare le loro uova alle acque fredde circostanti (a circa 2 °C); quando la corrente le porta casualmente in acque più calde, ha luogo il successivo sviluppo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ D.Desbruyères, L.Laubier - Alvinella pompejana gen.sp. nov., Ampharetidae aberrant des sources hydrothermales de la ride Est-Pacifique - Oceanologica Acta, 1980
  2. ^ M.Matz - The Worm that Boasts Earth's Hottest Lifestyle - Exploratorium Dispatches, 2001 [1], che cita soprattutto le ricerche di S.C.Cary
  3. ^ J.J.Grzymski, A.E. Murray, B.J.Campbell, M.Kaplarevic, G.R.Gao, C.Lee, R.Daniel, A.Ghadiri, R.A.Feldman, S.C.Cary - Metagenome analysis of an extreme microbial symbiosis reveals eurythermal adaptation and metabolic flexibility - Proc Natl Acad Sci U S A, 2008 [2] - "Conclusion"
  4. ^ NSF-OLPA - Scientists Succeed at First-Ever Attempt to Sequence DNA at Sea (2001) [3]
  5. ^ J.Roach - Earth's Hottest "Bods" May Belong to Worms - National Geographic News, 2004 [4]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali