Alberto Bachelet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Arturo Miguel Bachelet Martínez
Alberto Bachelet (a destra) con la figlia Michelle.
Alberto Bachelet (a destra) con la figlia Michelle.
27 aprile 1923 - 12 marzo 1974
Nato a Santiago del Cile
Morto a Santiago del Cile
Cause della morte Arresto cardiaco provocato da torture
Dati militari
Paese servito Cile Cile
Forza armata Aeronautica militare cilena
Anni di servizio 1940 - 1974
Grado Brigadier Generale
Studi militari Escuela de Aviación del Capitán Manuel Ávalos Prado

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Alberto Arturo Miguel Bachelet Martínez (Santiago del Cile, 27 aprile 1923Santiago del Cile, 12 marzo 1974) è stato un generale e politico cileno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bachelet nacque a Santiago figlio di Alberto Bachelet Brandt e di Mercedes Martínez Binimelis. Si sposò con l'antropologa Ángela Jeria Gómez, con la quale ebbe due figli: Alberto e Michelle. Michelle successivamente diverrà la prima donna presidente del Cile.

La famiglia Bachelet negli anni '60

Militare di carriera, nel 1940 entro alla scuola aeronautica e fu capitano dell'aviazione cilena nel 1958. Arrivò nel 1970 al grado Brigadier Generale. Divenne nel 1972 viceministro nel governo dell’Unidad Popular di Salvador Allende[1] come capo della Direzione nazionale Forniture e commercializzazione (DINAC). Diresse l'ufficio per la distribuzione delle derrate alimentari e a seguito del golpe cileno del 1973 contestò apertamente il sollevamento di Augusto Pinochet e venne arrestato al ministero della Difesa e imprigionato presso l'accademia aeronautica, sotto accusa di tradimento. A seguito delle torture subite, Alberto Bachelet morì nel 1974 per arresto cardiaco nella prigione di Santiago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le due amiche divise dal golpe in lotta per la presidenza del Cile - La Stampa

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 41806543