Aeroporto Internazionale Gengis Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto Internazionale Gengis Khan
Il terminal
Il terminal
IATA: ULN – ICAO: ZMUB
Descrizione
Nome impianto Aeroporto Aeroporto Internazionale Chinggis Khaan
Tipo civile
Stato Mongolia Mongolia
Provincia Ulan Bator
Altitudine AMSL 1.300 m
Coordinate 47°50′35″N 106°45′59″E / 47.843056°N 106.766389°E47.843056; 106.766389Coordinate: 47°50′35″N 106°45′59″E / 47.843056°N 106.766389°E47.843056; 106.766389
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Mongolia
ZMUB
Sito web http://www.mcaa.gov.mn/?new_lang=en

[senza fonte]

L'Aeroporto Internazionale Gengis Khan, in mongolo Chinggis Khaan, è l'aeroporto principale della capitale mongola Ulan Bator. È il più grande impianto aereo del paese, e l'unica struttura ad offrire voli internazionali; è la base principale delle operazioni per i vettori nazionali MIAT Mongolian Airlines, Eznis Airways e Aero Mongolia.

L'aeroporto è stato precedentemente noto come Aeroporto Buyant Ukhaa fino a quando non è stata rinominato Aeroporto Internazionale Chinggis Khaan per celebrare il 800º anniversario della creazione di uno Stato della Mongolia il 21 dicembre 2005.

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Compagnia Destinazioni
Aero Mongolia Altai, Bayankhongor, Cheongju, Choibalsan, Donoi, Hohhot, Hovd, Irkutsk, Mörön, Novosibirsk-Tolmačëvo, Ôlgij, Oyutolgoi, Ovoot, Tosontsengel, Ulaangom
Aeroflot Mosca-Šeremet'evo
Air China Pechino[1]
Eznis Airways Bayankhongor, Choibalsan, Dalanzadgad, Irkutsk [charter], Khovd, Mörön, Tosontsengel, Ölgii, Donoi, Outolgoi, Hailaar (Inner Mongolia, China), Ulaangom, Ulan-Ude [charter]
Japan Airlines Tokyo-Narita (charter stagionali)
Korean Air Seoul-Incheon[2]
MIAT Mongolian Airlines Pechino, Berlino-Tegel, Irkutsk [stagionale], Khovd, Mörön, Mosca-Šeremet'evo, Osaka-Kansai [stagionale], Seoul-Incheon, Tokyo-Haneda, Tokyo-Narita

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Airline Network, Air China. URL consultato il 2 aprile 2008.
  2. ^ Route Map / Worldwide Destinations / Ulaanbaatar, Mongolia, Korean Air. URL consultato il 2 aprile 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]