Adalia bipunctata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Coccinella
Adalia bipunctata01.jpg
Adalia bipunctata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Cucujiformia
Superfamiglia Cucujoidea
Famiglia Coccinellidae
Genere Adalia
Specie A. bipunctata
Nomenclatura binomiale
Adalia bipunctata
(Linnaeus, 1758)

Adalia bipunctata (Linnaeus, 1758) è un coleottero carnivoro della famiglia Coccinellidae che si trova in tutta la regione olartica. È molto comune nell'Europa occidentale e centrale e nel Nord America. Esso viene usato come agente di controllo biologico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La forma più comune di Adalia bipunctata è quella rossa con due macchie nere. Tuttavia, esiste anche una forma nera con macchie rosse su di essa. In aggiunta, ci sono forme intermedie, ma solo raramente si verificano in natura.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questa è stata una delle molte specie originariamente descritta da Linneo nel suo Systema Naturae del diciottesimo secolo; il suo nome originale era Coccinella bipunctata. Il suo nome specifico deriva dal latino bi- "due" e punctata- "maculata".

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Queste coccinelle si nutrono di afidi e altri piccoli insetti.[1][2]

Ciclo vitale[modifica | modifica wikitesto]

Il ciclo vitale inizia con le uova che di solito sono deposte tra le grinfie. Le larve escono dall'uovo mordendolo e creando un buco. Le larve hanno un aspetto molto diverso dagli adulti: hanno forma allungata, di colore grigio, corpi morbidi con sei gambe, ma senza ali. Sono cannibali. Le larve passano attraverso quattro stadi larvali: nutrendosi crescono e ad un certo punto rimuovono la loro vecchia pelle e ne appare una nuova in cui possono crescere di più. L'ultimo stadio larvale ha all'incirca le dimensioni di un coleottero adulto. Una volta assunto abbastanza nutrimento, le larve si attaccano ad un substrato e mutano in una pupa. All'interno della pupa, l'adulto si sviluppa. Infine l'adulto sviluppato esce dalla pupa.

Simbiosi[modifica | modifica wikitesto]

In alcune popolazioni, la maggior parte dei coleotteri sono femmine. In queste popolazioni, 80-90% della progenie di una femmina è di sesso femminile. La causa di tale anomalia è la presenza di batteri simbiotici i quali vivono all'interno dei gameti dei coleotteri femmina. Il batterio è troppo grande per vivere nei gameti maschili (spermatozoi), perciò il batterio può essere trasmesso alla generazione successiva solo attraverso gameti femminili. Quando finisce in un maschio, morirà insieme al maschio. Pertanto, uccide la maggior parte degli embrioni maschili nelle uova appena deposte. Questi embrioni morti servono poi come cibo per le loro sorelle, quando emergono dalle loro uova. Questa caratteristica viene associata con una varietà di batteri diversi (Wolbachia, Rickettsia, Spiroplasma), che sono presenti tra 0 e 20% delle femmine, a seconda della località geografica.[3][4]

Parassitismo[modifica | modifica wikitesto]

L'Adalia è portatrice anche di un'infezione a trasmissione sessuale in Europa centrale e orientale. L'infezione è provocata da un acaro ectoparassita, Coccipolipus hippodamiae, che si trasferisce durante l'accoppiamento tra maschio e femmina (e viceversa). [ 9 ] L'infezione sterilizza le coccinelle femmina, e in alcuni periodi dell'anno, fino al 90% degli adulti di Adalia diventa infetto.[5][6]

Utilizzo come agente di controllo biologico[modifica | modifica wikitesto]

A. bipunctata è usato come agente di lotta biologica contro gli afidi e viene utilizzato, per esempio, nelle serre.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Adalia bipunctata (Linnaeus, 1758:364), www.discoverlife.org. URL consultato il 14 febbraio 2009.
  2. ^ Adalia bipunctata two-spotted lady beetle, animaldiversity.ummz.umich.edu Università del Michigan. URL consultato il 14 febbraio 2009.
  3. ^ J Bacteriol, 176: 388–394.
  4. ^ Insect Mol Biol. 1999 Feb;8(1):133-9. Invasion of one insect species, Adalia bipunctata, by two different male-killing bacteria. Hurst GD, Graf von der Schulenburg JH, Majerus TM, Bertrand D, Zakharov IA, Baungaard J, Völkl W, Stouthamer R, Majerus ME.
  5. ^ Ecological Entomology 20: 230-236
  6. ^ Webberley K M, Buszko J, Isham V and Hurst G D D (2006) Sexually transmitted disease epidemics in a natural insect population. Journal Of Animal Ecology vol 75 issue 1 pp 33-43 ://000235043700004
  7. ^ Adalia bipunctata (Linnaeus), www.ento.csiro.au CSIRO, 7 luglio 2005. URL consultato il 14 febbraio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]