Abbazia di Battle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia di Battle, a Battle: la facciata
Abbazia di Battle: l'epigrafe che ricorda il punto in cui sarebbe morto Aroldo II, re dei Sassoni
Abbazia di Battle: la stanza dei novizi

L'abbazia di Battle (inglese: Battle Abbey) a Battle, in East Sussex, Inghilterra, è un sito monastico benedettino parzialmente integro fatto costruire sulla scena della vittoriosa battaglia di Hastings da Guglielmo il Conquistatore e dedicato a San Martino. [1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1070 papa Alessandro II ordinò ai normanni di fare penitenza per aver ucciso in battaglia così tante persone, durante la loro conquista dell'Inghilterra. Così Guglielmo il Conquistatore promise solennemente di costruire un'abbazia dove aveva avuto luogo la battaglia di Hastings, e che l'altare maggiore della nuova chiesa sarebbe stato costruito nel punto esatto in cui Re Aroldo, sovrano dei sassoni, era caduto morente la domenica del 14 ottobre 1066.

Partirono i lavori per la costruzione della nuova abbazia, ma Guglielmo morì prima che fossero completati. Terminata nel 1095, fu consacrata sotto il regno del figlio di Guglielmo il conquistatore, Guglielmo detto Rufus e dedicata a San Martino, chiamato l'apostolo dei galli. Anche per questo, l'abbazia era nota come San Martino di Battle (inglese: St. Martin of Battle, St. Martin at Battle [2]). Rimaneggiata durante gli ultimi anni del XIII secolo, fu gravemente danneggiata un paio di secoli più tardi, durante la soppressione dei monasteri sotto il regno di Enrico VIII.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome fu inizialmente "il monastero di San Martino di Battle" (San Martino della Battaglia). Ma l'abbazia è stata conosciuta per secoli come l'abbazia di Battle.
  2. ^ Harold Brakspear, The Benedictine Abbey of St. Martin at Battle, Published by order of the Trustees of the will of the late Sir Augustus Webster, Bt. and the Principal of Battle Abbey School, 1933

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]