A Greek-English Lexicon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "LSJ" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi LSJ (disambigua).
A Greek–English Lexicon
Titolo originale A Greek–English Lexicon
Altri titoli Greek–English Lexicon, A
Autore Henry Liddell, Robert Scott, Henry Stuart Jones, and Roderick McKenzie
1ª ed. originale 1819
Genere Vocabolario
Lingua originale inglese

A Greek-English Lexicon (chiamato anche Liddell & Scott, Liddell-Scott-Jones o LSJ) è un'importante lavoro lessicografico riguardante la lingua greca antica.

Il Liddell-Scott[modifica | modifica wikitesto]

Il lexicon fu iniziato nell'Ottocento e attualmente è alla dicianovesima edizione (revisionata). Basato su un precedente Handwörterbuch der griechischen Sprache del lessicografo tedesco Franz Passow (pubblicato per la prima volta nel 1819, edito per la quarta volta nel 1831), che a sua volta si basava sul Kritisches griechisch-deutsches Handwörterbuch di Johann Gottlob Schneider, l'LSJ è servito come base per molti lavori lessicografici riguardanti la lingua greca antica, come il Diccionario Griego-Español (DGE).

Fu curato da Henry Liddell, Robert Scott, Henry Stuart Jones e Roderick McKenzie e fu pubblicato dalla Oxford University Press; le sue tre varianti sono chiamate The Little Liddell, The Middle Liddel e The Big Liddell o The Great Liddell.

Secondo la prefazione di Stuart Jones alla nona edizione (1925), la creazione del lexicon fu proposta originariamente da David Alphonso Talboys, un editore di Oxford. Fu pubblicato dalla Clarendon Press a Oxford invece che da Talboys perché lui morì prima del completamento della prima edizione (1843). Le edizioni dalla seconda alla sesta furono pubblicate negli anni 1845, 1849, 1855, 1861 e 1869.

Il primo curatore dell'LSJ, Henry Liddell, fu rettore di Christ Church (Oxford) e padre di Alice Liddell, colei che ispirò il personaggio di Alice in Alice nel Paese delle Meraviglie; l'ultima edizione pubblicata durante la sua vita fu l'ottava (1897).

L'LSJ viene a volte comparato con A Latin Dictionary di Lewis e Short, che fu anch'esso pubblicato dall'Oxford University Press, e anche al Bauer lexicon, incentrato anch'esso sul greco antico ma focalizzato sul Nuovo Testamento.

Riduzioni[modifica | modifica wikitesto]

La Oxford University Press pubblicò due edizioni dell'LSJ, che rimangono in stampa.

Nel 1843, lo stesso anno della pubblicazione del lessico completo, fu pubblicato anche A Lexicon: Abridged from Liddell and Scott's Greek–English Lexicon (chiamato a volte The Little Liddell), più volte revisionato.

Nel 1889 fu pubblicata una versione intermedia dell'LSJ, An Intermediate Greek–English Lexicon (chiamato a volte The Middle Liddell), basata sulla settima versione dell'LSJ (1882): questo lexicon contiene più voci e copre la maggior parte della letteratura greca antica più comunemente letta, aggiunge citazioni di autori greci (pur senza menzionare il passo da cui sono presi) per illustrare la storia dell'uso del vocabolo e aiuta maggiormente colle forme irregolari.

Supplemento[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la pubblicazione della nona edizione dell'LSJ (1940), poco dopo la morte di Jones e McKenzie, la Oxford University Press mantenne una lista di addenda et corrigenda (aggiunte e correzioni) che fu unita alle edizioni successive. Questa lista nel 1968 fu sostituita da un supplemento all'LSJ. Né gli addenda né il supplemento sono stati uniti al testo principale, che è tuttora quello del 1843. Il supplemento, inizialmente curato da M. L. West., dal 1981 è curato da P. G. W. Glare, editore dell’Oxford Latin Dictionary, che dal 1988 viene affiancato da Anne A. Thompson; con loro collaborano molti altri studiosi.

Il supplemento consiste di una serie di aggiunte e correzioni al testo principale divise per lemma. Le voci del supplemento sono marcate con dei segni per mostrare la natura dei cambiamenti che contengono; molte delle aggiunte provengono dalla decifrazione delle tavolette scritte colla lineare B. L'ultima edizione, del 1996, consisteva di 320 pagine.

Edizioni elettroniche e traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

La nona edizione dell'LSJ è accessibile gratuitamente in formato elettronico dal 2007, essendo stata digitalizzata dal Perseus Project. Diogenes, un software gratuito, incorpora i dati di Perseus e permette una facile consultazione offline dell'LSJ da parte delle piattaforme Mac OS X, Windows e Linux.[1] Marcion è un'altra applicazione open source[2] che utilizza i dati di Perseus.[3]

Per i supporti mobili, sia i Palm PDA sia gli iPhone/iPod Touch riportano i dati di Perseus. Google Play offre a basso prezzo il download offline dell'LSJ intermedio.[4][5][6] Una versione in CD-ROM contenente anche il supplemento alla nona edizione fu venduta dalla Logos Bible Software. Nel 2011 fu pubblicata una nuova versione online dell'LSJ dal Thesaurus Linguae Graecae (TLG): questa versione corregge "un gran numero di errori tipografici" e include link agli altri testi del TLG.[7] Esiste anche una versione Kindle che permette di cercare gran parte delle forme di greco classico e supporta un numero crescente di testi in greco antico e classico.

L'LSJ è stato tradotto in lingua greca moderna da Anestis Konstantinidis e pubblicato nel 1904 con titolo di Μέγα Λεξικόν τῆς Ἑλληνικῆς Γλώσσης.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Diogenes, Dur.ac.uk. URL consultato il 15 aprile 2014.
  2. ^ (EN) Vagrantos, Marcion in SourceForge, 10 giugno 2013. URL consultato il 21 giugno 2013.
    «GNU General Public License version 2.0 (GPLv2)».
  3. ^ (EN) Milan Konvicka, Greek dictionary in Marcion - software to study the Gnostic scriptures. URL consultato il 21 giugno 2013.
  4. ^ (EN) Handheld Classics, Text.handheldclassics.com. URL consultato il 15 aprile 2014.
  5. ^ Lexiphanes, David Finucane, iPhone Apps
  6. ^ LSJ Greek Dictionary - Android Apps on Google Play, Market.android.com. URL consultato il 15 aprile 2014.
  7. ^ TLG: About the Liddell-Scott-Jones Lexicon, Tlg.uci.edu. URL consultato il 15 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni elettroniche
Scansioni