17 ragazze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
17 ragazze
17 ragazze.png
una scena del film
Titolo originale 17 filles
Lingua originale francese
Paese di produzione Francia
Anno 2011
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico
Regia Delphine Coulin, Muriel Coulin
Sceneggiatura Delphine Coulin, Muriel Coulin
Produttore Denis Freyd
Produttore esecutivo André Bouvard
Casa di produzione Archipel 35, ARTE France Cinéma
Distribuzione (Italia) Teodora Film
Fotografia Jean-Louis Vialard
Montaggio Guy Lecorne
Scenografia Benoît Pfauwadel
Costumi Dorothée Guiraud
Trucco Sylvie Aïd-Denisot
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Se dovessimo aspettare il permesso per tutto, non faremmo mai niente »
(Camille)

17 ragazze (17 filles) è un film del 2011 scritto e diretto da Delphine Coulin e Muriel Coulin[1], nominato per il Premio César per la migliore opera prima nel 2012 e vincitore dello Student Jury Award al Bratislava International Film Festival nel 2011.

Il film è stato principalmente girato a Lorient, ma anche a Étel, Guidel, Ploemeur, Morbihan, Bretagna meridionale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Camille, una diciassettenne forte e decisa che vive a Lorient, rimane incinta e, aspirando a una vita migliore di quella degli adulti che la circondano, decide di tenere il bambino. Le amiche, inizialmente dubbiose se debba abortire o meno, decidono di sostenerla e iniziano a fantasticare di una vita tutte insieme, tutte incinte, libere dall'oppressiva mentalità dei genitori; si mettono allora all'opera per realizzare il loro sogno e a poco a poco il numero di gravidanze di giovani liceali della stessa scuola cresce: scoppia così il caos tra adulti, insegnanti e genitori, che non riescono a comprendere il gesto delle ragazze.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Rencontre avec Delphine et Muriel Coulin, 18 aprile 2012. URL consultato l'11 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema