Zombie contro zombie - One Cut of the Dead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zombie contro zombie -
One Cut of the Dead
Zombie contro zombie.jpeg
Titolo originaleカメラを止めるな!
Kamera o tomeru na!
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2017
Durata96 min
Generecommedia, orrore
RegiaShin'ichirō Ueda
SoggettoShin'ichirō Ueda
SceneggiaturaShin'ichirō Ueda
ProduttoreKoji Ichihashi
Produttore esecutivoKentarō Kodama
Casa di produzioneThird Window Films, Asmik Ace Entertainment
Distribuzione in italianoCG Entertainment, Tucker Film, Far East Film Festival
FotografiaTakeshi Sone
MontaggioShin'ichirō Ueda
Effetti specialiKazuhide Shimohata
MusicheNobuhiro Suzuki, Shôma Itô, Kyle Nagai
ScenografiaKōkichi Komoda
CostumiYukiya Minami
TruccoJunko Hirabayashi
StoryboardKônosuke Yoshida
Art directorYūya Nakaizumi
Character designKōnosuke Yoshida
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Kamera o tomeru na! logo.png
Logo ufficiale del film

Zombie contro zombie - One Cut of the Dead (カメラを止めるな! Kamera o tomeru na!?, lett. "Non fermare la cinepresa!") è un film del 2017, scritto, montato e diretto da Shin'ichirō Ueda.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un impianto di filtraggio delle acque abbandonato si sta girando un film horror con zombie. Improvvisamente il set viene attaccato da veri zombie: attori e maestranze devono difendersi mentre il regista continua imperterrito le riprese. Finirà anche lui massacrato dalla protagonista (più volte rimproverata perché incapace di mostrare un "vero volto del terrore", finché la sua vera angoscia non le conferirà l'espressione richiesta). Dopo aver dovuto colpire anche l'amato collega, contagiato dall'assistente che lui stesso aveva colpito al capo con un'ascia, per difendere proprio l'amica che lei ossessivamente inseguiva con mire omicide.

Si torna quindi indietro con un flashback. Il regista Higurashi ha avuto solo sporadiche esperienze televisive, ma offrendo qualità a modico compenso, appare il candidato ideale per una tv che vuole inaugurare un canale sugli zombi e lo contatta per proporgli il progetto "One Cut Of The Dead": uno spettacolo su zombi muniti di ascia che sia trasmesso in diretta, e girato con un unico piano-sequenza. Gli pare un'idea folle, ma accetta.

Come previsto ci sono molti ostacoli da superare. Un attore, Hosoda, si ubriaca di saké e lo stesso regista dovrà sostenerlo come una marionetta per fargli girare le scene che gli spettano. Un altro,Yamakoe, ha urgenza di defecare, e la truccatrice dovrà chinarsi a prepararlo per non perder tempo, mentre lui fa i suoi bisogni sul prato.

C'è una parte dello staff tecnico che sta seguendo lo spettacolo da remoto ed è disorientato dal cambiamento di programma: il copione non è più seguito passo per passo, perché imprevisti impongono scene con improvvisazione. Ma quando la gru si spezza, Higurashi non rinuncia al suo finale: la protagonista va inquadrata dall'alto dentro un pentagramma scritto col sangue. Lo staff esterno lo aiuta formando una pila di persone che si appoggiano l'una sulla schiena dell'altro, come una piccola piramide umana sulla cui cima si collocano Higurashi e la figlia Mao, che gli monta le spalle con la telecamera. Alla fine, prima che tutti lascino il set, mostrerà una foto che ritrae lui che tiene la figlia, ritratta da bambina, proprio mentre gli cavalca le spalle per gioco.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato realizzato con un budget di appena 3 milioni di yen, circa 25000 euro.[1] Il piano sequenza iniziale ha una durata di trentasette minuti.[2] La prima parte del film è stata girata a Mito nella prefettura di Ibaraki, per completare le riprese del film sono stati necessari 8 giorni.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La riuscita di questo film è stata riconosciuta nella capacità del regista di spiazzare lo spettatore, nell'innovativa struttura narrativa, e per come affronta, estremizzandolo, il concetto di metacinema.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Attori e regista a una proiezione del film a Kawasaki

Inizialmente il film è stato proiettato in piccoli teatri e cinema per 6 giorni, solo dopo il successo avuto presso festival del cinema all'estero, in particolare il Far East Film Festival di Udine nel 2018, ha visto crescere il pubblico di spettatori.[3] Il film è stato distribuito in Italia per tre giorni a partire dal 7 novembre 2018,[5] in versione sottotitolata. Dal 29 agosto 2019 è disponibile in Italia la versione home video in dvd, mentre nella seconda serata del 30 giugno 2021 sul canale televisivo Rai 4 è stata trasmessa la versione doppiata in italiano, come conclusione dell'annuale rassegna Missione Oriente[6].

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana della pellicola è stata curata dalla O.D.S. - Operatori Doppiaggio e Spettacolo di Torino, con la direzione di Patrizia Giangrand – assistita da Lucia Valenti – e i dialoghi italiani di Roberta Maraini.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Seguito e remake[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 il cast torna nel film televisivo Kamera o tomeru na! supin-ofu: Hariuddo daisakusen! conosciuto col titolo internazionale One Cut of the Dead Spin-Off: In Hollywood trasmesso su AbemaTV, sceneggiato da Ueda e diretto da Yuya Nakaizumi.

Durante il periodo di quarantena dovuta alla pandemia di COVID-19 Ueda ha contattato gli attori per realizzare il cortometraggio One Cut of the Dead Mission: Remote, realizzato registrando ognuno la propria parte senza doversi incontrare, pubblicato su YouTube il 1º maggio 2020 e successivamente anche con sottotitoli in inglese.[3][7]

Nel 2022 ne è stato realizzato un remake francese, Coupez!, scritto e diretto da Michel Hazanavicius. Yoshiko Takehara vi ha ripreso il ruolo della produttrice in un cameo.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ken Wynne, One Cut of the Dead (2017, Japan) Review, su Attack from Planet B, 14 gennaio 2019. URL consultato il 10 giugno 2020.
  2. ^ (EN) One Cut Of The Dead, su Empire, 2 gennaio 2019. URL consultato il 10 giugno 2020.
  3. ^ a b c Zombie contro Zombie: il sequel YouTube del film live action dei record, su AnimeClick.it, 24 maggio 2020. URL consultato il 24 maggio 2020.
  4. ^ Zombie Contro Zombie (horror, 2018): recensione film, su MaSeDomani, 5 novembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  5. ^ Zombie contro zombie - One Cut of the Dead, la recensione, su Darkside Cinema, 6 novembre 2018. URL consultato il 10 giugno 2020.
  6. ^ Peninsula e Zombie contro zombie su Rai4, su rai.it, 30 giugno 2021. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  7. ^ 短編映画『カメラを止めるな!リモート大作戦!』本編 | One Cut of the Dead Mission: Remote, su YouTube.com, 1º maggio 2020. URL consultato il 24 maggio 2020.
  8. ^ (JA) 「カメラを止めるな!」フランス版リメイク邦題は「キャメラを止めるな!」 カンヌ映画祭オープニング作品に, su eiga.com, 27 aprile 2022. URL consultato il 27 aprile 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema