Zerka T. Moreno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Zerka Toeman Moreno (Amsterdam, 13 giugno 1917Rockville (Maryland), 19 settembre 2016) è stata una psicodrammatista olandese naturalizzata statunitense e co-fondatrice del metodo attivo psicodramma. È stata la moglie e la collaboratrice più stretta di Jacob Levi Moreno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Zerka Toeman nasce ad Amsterdam il 13 giugno 1917. I nonni paterni erano commercianti di grano che, come molte altre famiglie ebree dell’epoca, lasciarono Varsavia per recarsi in Inghilterra quando il padre di Zerka, Joseph Toeman, era ancora in fasce. La madre, Rosalia Gutwirth, proveniente dall’Est Europa, dovette spostarsi con la sua famiglia nei Paesi Bassi. Sarà in Olanda che Zerka, la più giovane di quattro figli, vivrà la prima parte della sua vita. Nel 1931 i suoi genitori si trasferirono a Londra, quando Zerka aveva quattordici anni, ricongiungendosi al resto della famiglia del padre. Qui, la giovane finì di frequentare le superiori e successivamente studia arte e design di moda. Nel 1939 attraversa per la prima volta l’Atlantico per giungere negli USA con alcuni amici di famiglia.

L'incontro con Moreno[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1942 Zerka incontra lo psichiatra Jacob Levi Moreno per via dei disagi affettivi di sua sorella Naomi, dopo vani tentativi diagnostici e terapeutici. Fu in questo incontro con Moreno e con il suo innovativo metodo noto come psicodramma che Zerka trovò quel “motivo genuino per la sua esistenza” che le permise per la prima volta di coltivare qualcosa che avesse per lei un profondo valore. Divenne musa di Moreno, sua socia e compagna[1], dando vita a iniziative di profondo spessore che consolidarono l’esperienza del Sanatorium di Beacon, N.Y, ove a differenza degli altri ospedali psichiatrici, c’era un teatro per scopi terapeutici. Nel 1942 Jacob Levi e Zerka fondano l’Istituto di Sociometria al 101 di Park Avenue, la cui apertura ufficiale avviene nel marzo dello stesso anno. Sempre nel 1942 sul numero di maggio della rivista Sociometria, Moreno e Zerka pubblicano “L’approccio di gruppo nello psicodramma”, il primo di molti articoli a firma congiunta. Da questo momento, il nome di Zerka Toeman comparirà sempre più spesso fra i contributi alla letteratura psicodrammatica[2]. Nel 1947 Zerka e Jacob Levy creano il giornale “Sociatry: Journal of Group and inter-Group Therapy”, ribattezzato più volte e oggi noto come “Journal of Group Psychotherapy, Psychodrama and Sociometry”[3].

Nel 1949 Zerka Toeman sposa Jacob Levi Moreno e nel 1951 fondano insieme la Società di Psicodramma e Psicoterapia di Gruppo, che verrà ribattezzata Società Americana di Psicoterapia di Gruppo e Psicodramma (ASGPP) ancora oggi attiva. Nel 1952 la nascita di Jonathan Moreno sarà occasione di gioia e di un approfondimento concreto dell’approccio educativo attraverso lo psicodramma e il role playing[1], sempre più vissuto da Zerka come strumento utile a una vita serena e creativa ove più che le parole contano l’azione e l’empatia tra le persone agevolata dalla tecnica dello scambio dei ruoli.

Nel 1958, Zerka subisce l’amputazione del braccio destro per un cancro: la vicissitudine non la blocca nelle sue attività e per affrontare quel difficile momento concorda col marito di renderlo oggetto di un lavoro psicodrammatico[4].

Dalla morte di Moreno avvenuta nel 1974, Zerka continuò per più di trent’anni la propria formazione e l’insegnamento del metodo psicodrammatico formando psicodrammatisti in tutto il mondo e continuando a pubblicare articoli e libri.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Zerka Toeman Moreno morì a Rockville, Maryland, il 19 settembre 2016, all’età di 99 anni. La sua vita fu dedita a quella che lo stesso Moreno definì la “Shakespearean psychiatry”, ovvero la psichiatria che con l’improvvisazione teatrale del proprio vissuto fa emergere comprensione ed empatia tra la gente, ingenerando fiducia in sé e negli altri. In “The Life They Lived” del New York Times Magazine di quell’anno viene ricordata come grande psicodrammatista e come donna sensibile, rigorosa e attenta, profondamente impegnata a cercare di migliorare il mondo attraverso lo psicodramma[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Zerka Toeman Moreno, Per sognare ancora, Zerka Toeman Moreno, 2016, 2016.
  2. ^ Jacob Levi Moreno, Il profeta dello Psicodramma, Roma, Di Renzo, 2002, ISBN 888323044-2.
  3. ^ René F. Marineau, Jacob Levy Moreno 1889-1974 - Pai do psicodrama, da sociometria e da psicoterapia de grupo, Agora, 1989, ISBN 85-7183-401-6.
  4. ^ Giovanni Boria, Psicoterapia Psicodrammatica, Milano, Franco Angeli, 2012, ISBN 88-464-6318-8.
  5. ^ The lives they lived - Zerka Moreno, su nytimes.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moreno, Z. T. (2016). Per sognare ancora. Zerka T. Moreno
Controllo di autoritàVIAF (EN54955969 · ISNI (EN0000 0000 6319 1992 · LCCN (ENn87127725 · GND (DE119347970 · WorldCat Identities (ENlccn-n87127725
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie