Zastava Yugo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zastava Yugo
Yugo Koral in Ljubljana.jpg
Descrizione generale
Costruttore Jugoslavia  Zastava
Tipo principale Berlina
Altre versioni Cabriolet
Pick-up
Produzione dal 1981 al 2000
Sostituisce la Zastava 750
Sostituita da Zastava Koral
Esemplari prodotti 794.428[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3490 mm
Larghezza 1542 mm
Altezza 1335 mm
Massa 725 kg
Altro
Altre antenate Fiat 127
Stessa famiglia Innocenti Koral
1987 Yugo GV.jpg

La Zastava Yugo è un'autovettura prodotta dalla casa automobilistica jugoslava Zastava dal 1981 fino al 2000. Ha sostituito la Zastava 750 (versione locale della Fiat 600), ed è stata poi a sua volta sostituita dalla Zastava Koral. Per un certo periodo venne venduta in Italia con il marchio Innocenti e il nome Koral.

A causa della sua articolata storia produttiva, nonché dell'effimero successo (pur essendo stata prodotta per 19 anni), immediatamente seguito alle tribolate traversie sul suolo statunitense, la Yugo è entrata suo malgrado nella cultura di massa occidentale come «la peggior auto della storia»; ciò nonostante, questo ha permesso alla Yugo di guadagnarsi una fama rimasta inalterata nel tempo, divenendo oggetto dell'attenzione dei più svariati media anche a distanza di decenni.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Yugo fu la mancata erede della Fiat 127. Derivata da un progetto della FIAT mai nato perché quando era ormai pronto per la produzione venne giudicato dall'amministratore delegato della casa torinese Vittorio Ghidella poco innovativo; in tutta fretta quindi il Gruppo Fiat utilizzò al suo posto uno studio di Giorgetto Giugiaro (concepito inizialmente per una nuova vettura a marchio Lancia) facendolo diventare la Fiat Uno. Il progetto di quella che diventerà la Yugo fu così venduto dall'azienda italiana all'industria di stato jugoslava, che la presentò al pubblico in occasione del Salone di Belgrado del 1980.[3]

La Yugo Koral cabrio

La versione iniziale della Yugo era meccanicamente molto simile alla 127, e montava gli stessi motori; le differenze marcate erano invece nella carrozzeria molto più spigolosa, con le linee più simili a quelle della Fiat Ritmo. Ne venne prodotta anche una versione cabriolet.

Una particolarità della Yugo è stato il fatto che si trattò della prima autovettura costruita in una nazione dell'Europa orientale – in un'epoca in cui era ancora in atto la guerra fredda – a essere stata esportata negli Stati Uniti d'America. Inizialmente le vendite sul suolo americano furono un successo, ben al di sopra delle aspettative anche in virtù dell'irrisorio prezzo di vendita rispetto alle concorrenti, ma di li a poco i problemi di qualità costruttiva e di affidabilità di cui era afflitta la Yugo ne decretarono un lento e inesorabile declino, facendone anzi un sorta di "barzelletta" agli occhi del pubblico nordamericano. L'esportazione oltreoceano cessò nel 1992, anche in seguito al peggioramento delle relazioni internazionali tra le due nazioni.[1][2]

Nel corso degli anni vennero introdotte altre motorizzazioni oltre all'iniziale 903 cm³ erogante 45 cv (da cui il nome di Yugo 45); di conseguenza videro la luce le Yugo 55, Yugo 60 e Yugo 65 con motori di cilindrata aumentata a 1.116 e 1.301 cm³.

La versione Innocenti

Dal 1991 al 1993, grazie a un accordo stipulato con la FIAT nel 1990[4], la vettura venne commercializzata in Italia con il marchio Innocenti sotto la denominazione di Innocenti Koral. La Koral Innocenti ebbe una limitata carriera, dato che l'esportazione terminò nel 1993, in quanto in Italia era entrata in vigore la legge che impediva la vendita di auto non catalizzate.

In patria la Yugo ebbe un grande successo commerciale. Nell'allora Jugoslavia era l'auto più venduta, e nella sua semplicità era stata anche predisposta una curiosa versione sportiva: la GVX. La Yugo fu costantemente oggetto di piccole modifiche, dando origine pure a modelli che in patria, all'estero e sui mercati di esportazione presero il nome di "Tempo" e "Ciao".

Con il conflitto bellico degli anni 1990 nella ex Jugoslavia, la produzione subì forti rallentamenti a causa dei bombardamenti NATO sugli impianti della Zastava. Nel 2000, dopo la ripresa della produzione negli stabilimenti serbi al termine della guerra del Kosovo, venne sostituita da un modello quasi identico, la Zastava Koral.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stephen Lowman, Book review: 'The Yugo,' by Jason Vuic, in The Washington Post, 7 marzo 2010.
  2. ^ a b (EN) Kayla Webley, The Yugo: Worst Car Ever?, in TIME, 16 marzo 2010.
  3. ^ Quattroruote, giugno 1980, p. 87.
  4. ^ ALBERTO BELLUCCI, ULTRAECONOMICA, FORMATO GIOVANE , 14 aprile 1990.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili