Yasuhiro Nightow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yasuhiro Nightow

Yasuhiro Nightow (内藤 泰弘 Naitō Yasuhiro?; Yokohama, 8 aprile 1967) è un fumettista giapponese, creatore del famoso manga Trigun, da cui venne in seguito tratto l'omonimo anime.

Nato a Yokohama, trascorre gli anni delle elementari a Yokosuka e quelli delle medie e superiori a Shizuoka.[1] A Tokyo frequenta l'università Hosei dove studia scienze sociali.[1] Terminati gli studi lavora per 3 anni in un'agenzia immobiliare.[1] Ha collaborato al manga Call XXXX apparso sulla rivista Super Jump. Nel 1994 realizza il fumetto Samurai Shodown (basato sull'omonima serie di videogiochi picchiaduro), lo stesso anno appare sul mensile Shonen Captain il primo capitolo di Trigun. La serie continuerà sino al 1997, anno in cui la rivista chiude. Dieci mesi più tardi riprenderà la pubblicazione su Young King OURs con il nuovo titolo di Trigun Maximum, serie terminata nel 2007. Nel 2009 inizia la serializzazione di Blood Blockade Battlefront (Kekkai Sensen) sulla rivista Jump Square per poi nel 2010 sportarne la pubblicazione su Jump SQ.19. Nightow è stato inoltre autore del manga one-shot Satellite Lovers, apparso sulla stessa rivista della serie Maximum. Nightow è creatore di personaggi e storie per SEGA/Red Entertainment con anime e videogiochi della serie Gungrave e ideatore delle action figure Revoltech prodotte dalla Kayodo.

Opera Anno
Samurai Shodown 1995
Trigun 1995–97
Trigun Maximum 1997–2007
Samurai Shodown V, Youkai Kusaregedo (personaggio) 2003
Blood Blockade Battlefront (Kekkai Sensen) 2009–15
Blood Blockade Battlefront Back 2 Back (Kekkai Sensen Back 2 Back) 2015–22
S.Flight (raccolta di one-shot) 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Yasuhiro Nightow Manga no mori interview, su web.archive.org, 8 novembre 2001. URL consultato il 19 giugno 2022 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2001).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27314685 · ISNI (EN0000 0000 4329 090X · Europeana agent/base/151332 · LCCN (ENno2004008382 · GND (DE1105222276 · BNF (FRcb14597651p (data) · J9U (ENHE987007412082205171 · NDL (ENJA01186987 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004008382