Voina (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Voina
Voina, Circolo Magnolia.jpg
I Voina in concerto a Milano nel 2017
Paese d'origineItalia Italia
GenereRock alternativo[1]
Indie rock[2]
Post-hardcore[1]
Periodo di attività musicale2005 – in attività
EtichettaV4V Records, INRI, Maciste Dischi
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

I Voina sono un gruppo musicale italiano formatosi nel 2005 a Lanciano, in Abruzzo. Precedentemente noto come Voina Hen, il gruppo nasce per volontà di Ivo Bucci e dei fratelli Nicola e Domenico Candeloro. Nel corso degli anni, i Voina hanno vissuto diversi cambi di formazione che hanno portato all'incisione di un primo EP, Finta di niente (2013), seguito dai dischi Noi non siamo infinito (2015), Alcol, schifo e nostalgia (2017) e Ipergigante (2020).

In seguito alla pubblicazione del loro album di debutto, i Voina hanno ricevuto il Premio MEI come miglior gruppo emergente.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Le origini (2005–2012)[modifica | modifica wikitesto]

La prima formazione dei Voina prende forma nel 2005, quando quattro amici di lunga data provenienti da Lanciano, una città di provincia non lontana da Pescara, si riuniscono dando i natali al gruppo.[3] La formazione iniziale è costituita da Ivo Bucci alla voce, i fratelli Nicola e Domenico Candeloro rispettivamente alla chitarra e batteria, e Amedeo Bolletta al basso. Il gruppo comincia con il nome di Voina Hen, un'espressione che trova il suo significato nella lingua russa e inglese, e che intende manifestare, secondo il quartetto, un sentimento ambiguo e controverso che riguardi allo stesso tempo la guerra, i polli e la follia.[4] In seguito, il gruppo cambia nome in Voina, inspirandosi ad un collettivo di dissidenti politici oppositori di Vladimir Putin.[5]

I Voina, secondo quanto dichiarato da Bucci, si ispirano fin da subito alla musica rock degli anni novanta, in particolare della scena musicale di Seattle, influenzati dal fascino per la cultura alternativa consolidatasi nella città statunitense.[6] L'attività concertistica dei primi anni determina la necessità di un ulteriore componente, Francesco Di Nardo, che nel 2007 entra nel gruppo come secondo chitarrista. La qualità dei live, in breve tempo, si rivela essere un buon biglietto da visita che permette ai cinque lancianesi di partecipare e vincere, nel 2009, al Rock Targato Italia, una manifestazione per gruppi emergenti.[7] Dopo l'incisione di un demo autoprodotto, i Voina attirano le attenzioni di Manuele "Max Stirner" Fusaroli (già produttore de Le luci della centrale elettrica, Zen Circus e Nobraino), che comincia a lavorare con il gruppo.[8]

Prime pubblicazioni (2013–2016)[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'inverno del 2013, i Voina si ritirano nella campagna ferrarese per la registrazione del loro primo EP dal titolo Finta di niente (2013), realizzato sotto la produzione artistica di Fusaroli e Marco "Diniz" Di Nardo, loro conterraneo e membro del Management del dolore post-operatorio.[9] La composizione del disco viene fortemente influenzata dalla realtà vissuta in provincia e dalla crisi sociale italiana, temi che saranno poi riproposti nei futuri lavori del gruppo. L'EP viene presentato in anteprima su la Repubblica XL nel marzo del 2013, anticipato dal singolo omonimo Finta di niente, il quale riesce a piazzarsi nella classifica italiana degli artisti indipendenti.[10][11] Il tour che segue la pubblicazione del disco permette ai Voina di aprire i concerti per artisti come Zen Circus, Il Teatro degli Orrori, Linea 77 e A Toys Orchestra. Concluso il tour, Francesco Di Nardo lascia il gruppo.

I Voina tornano in studio di registrazione nella primavera del 2014, lavorando sul loro album di debutto Noi non siamo infinito (2015) di nuovo assieme alla coppia di produttori Fusaroli e Di Nardo.[12] Secondo il gruppo, tematiche come la disillusione e il fallimento generazionale sono state d'ispirazione per la composizione del disco, riprendendo provocatoriamente il titolo del romanzo Noi siamo infinito (1999) di Stephen Chbosky.[13] L'album, pubblicato nell'ottobre del 2015 dalla Maciste Dischi, ottiene un riscontro positivo da parte della critica specializzata e raggiunge il sesto posto nella classifica nazionale del MEI dedicata agli artisti indipendenti.[14][15] Per promuovere il disco, i Voina realizzano un tour su territorio italiano, con una lista di oltre sessanta date che si protrae fino alla fine del 2016.[16] In occasione del Meeting delle etichette indipendenti dello stesso anno, i Voina ricevono il Premio MEI come miglior gruppo emergente.[17]

Anni recenti (2016–presente)[modifica | modifica wikitesto]

I Voina in concerto nel 2018

In questo periodo il gruppo vede un cambio di formazione: Amedeo Bolletta, che aveva registrato il disco, viene sostituito da Simone Di Cicco, che a sua volta, al termine del tour, lascia il posto a Daniele Paolucci.[18] Intenzionati a realizzare un disco più diretto, i Voina si ritirano nella loro regione natia per la registrazione del secondo album in studio, intitolato Alcol, schifo e nostalgia (2017).[19] Finanziato attraverso una campagna di crowdfunding, il disco viene prodotto dagli stessi Voina insieme ad Andrea Di Giambattista, già collaboratore del Management del dolore post-operatorio.[20]

Alcol, schifo e nostalgia viene pubblicato nel marzo del 2017 per la INRI; anticipato dal singolo Io non ho quel non so che, divenuto virale sui servizi di streaming musicale, l'album raggiunge il sesto posto nella classifica italiana degli indipendenti.[21][22] Il tour in supporto al disco porta i Voina ad esibirsi sui palchi di artisti italiani e internazionali come Kasabian, Afterhours, Ministri e Caparezza, e viene promosso tramite un inedito, Hype, pubblicato come singolo nel febbraio del 2018.[23]

I Voina annunciano in seguito di essere tornati in studio di registrazione per il loro terzo album; in tale occasione viene confermata l'uscita di Nicola Candeloro dal gruppo.[24] Il disco, intitolato Ipergigante, viene pubblicato nel febbraio 2020 dalla V4V Records, prodotto da Domenico Candeloro e Mattia Cominotto, e mostra un netto cambio di direzione artistica, allontanandosi definitivamente dal post hardcore per avvicinarsi molto alle sonorità dell'indie italiano contemporaneo.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Turnisti
  • Mauro Bucci – batteria, percussioni (2019–presente)
  • Mattia De Iure – chitarre, cori (2019–presente)
  • Andrea Paone – basso (2020–presente)
Ex componenti
  • Amedeo Bolletta – basso (2005–2015)
  • Nicola Candeloro – chitarre, cori (2005–2018)
  • Simone Di Cicco – basso (2015–2016)
  • Francesco Di Nardo – chitarre (2007–2014)
  • Daniele Paolucci – basso (2016–2019)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
EP

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giulio Pantalei, “Alcol, schifo e nostalgia”: il nuovo disco dei Voina, su Target Magazine, 10 marzo 2017. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  2. ^ Stefano Zicari, Noi Non Siamo Infinito, su Impatto Sonoro, 3 novembre 2015. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  3. ^ Focus On: Voina Hen ("Finta di niente" EP / Intervista), su The Dafen Project, 16 aprile 2013. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  4. ^ Leonardo Annulli, Voina Hen, Finta di niente EP, su distorsioni.net, 19 maggio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  5. ^ Vincere la guerra secondo i Voina, su Medium, 10 febbraio 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  6. ^ Martina Luciani, I Voina: "non siamo bravissimi ma ci va bene lo stesso", su Zonalocale, 13 gennaio 2017. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  7. ^ Raffaella Tenaglia, Estate musicale dei Voina Hen, in Pixie, 20 luglio 2012. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  8. ^ Luca Minutolo, Voina Hen (autoprodotto, 2011), in Il mucchio selvaggio, maggio 2011.
  9. ^ Voina Hen: ecco il nuovo ep e video "Finta di niente", su Impatto Sonoro, 26 marzo 2013. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  10. ^ Voina Hen: Finta di niente, su la Repubblica XL, 29 marzo 2013. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  11. ^ L'ultima Indie Music Like dell'estate ha per regina Erica Mou!, MEI, 10 luglio 2013. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  12. ^ I Voina Hen partono da Lanciano con il Personale Ata Tour 2015, su il Centro, 3 aprile 2015. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  13. ^ Noi non siamo infinito – Voina Hen, su Urban Week, 26 febbraio 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  14. ^ Marco Del Casale, Alcol, schifo e nostalgia (rock, indie), su rockit.it, 27 marzo 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  15. ^ Social Indiex, sul podio troviamo presenti Lo stato sociale, seguito dai Pinguini Tattici Nucleari e da L'orso, MEI, 6 aprile 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  16. ^ Cinzia M., Voina, nuovo album, su Ondalterantiva, 12 febbraio 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  17. ^ Ambrosia Imbornone, Nuovo MEI tra fermento musicale, scouting e giornalismo, su mescalina.it, 7 settembre 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  18. ^ Andrea Rapino, Voina Hen, una band tra overdose di Mtv e il mito dei Nirvana, su il Centro, 16 marzo 2016. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  19. ^ Cinzia Canali, Alcol, schifo e nostalgia, il nuovo album dei Voina, su Nonsense Mag, 6 aprile 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  20. ^ Voina, il nuovo video è 'Io non ho quel non so che', su la Repubblica, 22 febbraio 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  21. ^ Voina: la rock band alternativa conquista Spotify e si prepara all'uscita dell'album 'Alcol, schifo e nostalgia', su Urban Week, 1º marzo 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  22. ^ Social Indiex, balza in testa Colombre, mentre sale al secondo posto Lucio Corsi, MEI, 17 marzo 2017. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  23. ^ Silvia Remoli, Il rock dei Kasabian strega il Parco della Pace, su Cronache Ancona, 15 luglio 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  24. ^ Questo reperto archeologico rappresenta..., su facebook.com, 28 settembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock