Villaggio Falcone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villaggio Falcone
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
ComuneRoma-Stemma.png Roma Capitale
Territorio
Coordinate41°53′45″N 12°40′28″E / 41.895833°N 12.674444°E41.895833; 12.674444 (Villaggio Falcone)Coordinate: 41°53′45″N 12°40′28″E / 41.895833°N 12.674444°E41.895833; 12.674444 (Villaggio Falcone)
Altitudine55 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale00132
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villaggio Falcone
Villaggio Falcone

Villaggio Falcone è una frazione di Roma Capitale, situata in zona Z. X Lunghezza, nel territorio del Municipio Roma VI (ex Municipio Roma VIII).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sorge sul lato nord della via Prenestina, tra le frazioni di Colle del Sole a sud e Villaggio Prenestino a est.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sorge come borgata spontanea con il nome Ponte di Nona, dall'omonimo ponte, eretto intorno al II secolo a.C., sito al nono miglio (miglio romano) della via Prenestina (il nome sta per "ponte della nona miglia").

Già piano di zona 20, l'attuale denominazione, proposta dal sindaco di Roma Walter Veltroni in onore di Giovanni Falcone, è stata assegnata il 23 gennaio 2008 con una risoluzione approvata all'unanimità dal Consiglio dell'VIII Municipio[1].

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchia eretta il 2 ottobre 1989 con decreto del cardinale vicario Ugo Poletti e intitolata a Santa Luisa de Marillac. Il 19 febbraio 1997, con decreto del cardinale vicario Camillo Ruini, la parrocchia assume la denominazione di Beata Maria Josefa del Cuore di Gesù. In seguito alla santificazione della beata, con decreto del 10 gennaio 2001 la parrocchia assume la denominazione di Santa Maria Josefa del Cuore di Gesù. Il territorio è stato desunto da quello delle parrocchie di Sant'Eligio e SS. Trinità a Lunghezza.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Gli edifici multicolori di edilizia popolare sono stati utilizzati da alcune opere del cinema recente come emblema della periferia romana, se non addirittura della periferia in generale[2].

Odonimia[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte più vecchia del quartiere, con via della Riserva Nuova e via del Fosso Scilicino troviamo i nomi di alcuni comuni abruzzesi e molisani.

Comuni dell'Abruzzo
Comuni del Molise

Nella parte di più recente costruzione troviamo vie di religiosi, filantropi e pacifisti di varie nazionalità. Con piazza S. Maria Josefa del Cuore di Gesù troviamo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nuova denominazione per Ponte di Nona P.d.z. 20 in "Villaggio Falcone"
  2. ^ Chiara Ugolini, "La buca", Daniele Ciprì torna con la strana coppia Castellitto-Papaleo, in Repubblica.it, 18 settembre 2014.
    «Il film è ambientato in una città senza chiari riferimenti geografici (girato tra Cinecittà e la periferia romana) ...».
  3. ^ Un Giorno Speciale.
  4. ^ La buca.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma