Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Cesare Pavese.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi
AutoreCesare Pavese
1ª ed. originale1951
Generepoesia
Lingua originale italiano

« Sei la vita e la morte. Sei venuta di marzo

sulla terra nuda -

il tuo brivido dura.

Sangue di primavera

- anemone o nube -

il tuo passo leggero

ha violato la terra.

Ricomincia il dolore.[1] »

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi è una raccolta di poesie di Cesare Pavese.

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta, pubblicata postuma, comprende dieci poesie (otto in lingua italiana e due in inglese), tutte scritte tra l'11 marzo e il 10 aprile del 1950 a Torino e tutte inedite, ritrovate fortuitamente tra le sue carte dopo la sua morte, in duplice copia, nell'ordine in cui sono state pubblicate.

La raccolta, pubblicata dall'editore Giulio Einaudi nel 1951 comprende anche i versi appartenenti al gruppo "La terra e la morte" che furono composti nel 1945 a Roma e pubblicati precedentemente, nel 1947, sulla rivista "Le Tre Venezie".

Si tratta di liriche d'amore permeate di una struggente nostalgia scritte con uno stile insolito per Pavese dedicate all'attrice statunitense Constance Dowling, l'ultimo suo amore, conosciuta alla fine del 1949 dalla quale era stato superficialmente abbandonato e che lo aveva lasciato in un completo sconforto

« È buio il mattino che passa

senza la luce dei tuoi occhi.[2] »

Con la raccolta Verrà la morte e avrà i tuoi alberi, che "conclude l'arco pavesiano"[3], l'autore riprende i temi già sperimentati nei componimenti più tardi di Lavorare stanca e nella raccolta poetica del 1945 La terra e la morte. La donna, la cui liricizzazione avviene attraverso le metafore dei grandi temi dell'autore come la terra, la vigna, il vento, la vita e la morte, è il motivo unico e assoluto che pervade tutte le liriche dell'opera e "non è più e solo il termine di paragone della realtà simbolica, ma è la realtà, la speranza e la disperazione"[4].

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Deri: Due liriche di Pavese per canto e pianoforte – I Verrà la morte e avrà i tuoi occhi; II Hai viso di pietra scolpita [da La terra e la morte] – (1985); prima esecuzione: Firenze, Sala del Conservatorio “L. Cherubini”, 1985; prima esecuzione in forma sinfonica: Lucca, Santa Maria dei Servi, 2009[5]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ da You, wind of March in Cesare Pavese, "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi", Einaudi, Torino, 1960, pag. 31
  2. ^ da 30 marzo in op. cit., pag. 37
  3. ^ Cesare Pavese, Gianni Venturi, La Nuova Italia, 1975, pag. 114
  4. ^ op. cit., pag. 114
  5. ^ Carlo Deri – Due liriche di Pavese (versione sinfonica), su carloderi.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura