Valle dell'Agno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valle dell'Agno
Valle dell'Agno vista dalla frazione Piana di Valdagno.jpg
Parte della Valle dell'Agno vista dalla frazione Piana di Valdagno.
StatiItalia Italia
RegioniVeneto Veneto
ProvinceVicenza Vicenza
Località principaliRecoaro Terme, Valdagno, Cornedo Vicentino, Brogliano, Castelgomberto, Trissino.
Comunità montanaComunità montana Agno Chiampo
FiumeAgno

La Valle dell'Agno è una valle delle Prealpi vicentine che scorre da nord a sud, percorsa dall'omonimo torrente, a partire dalle Piccole Dolomiti per una trentina di chilometri.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Rappresenta la più orientale di una serie di valli disposte in parallelo tra le province di Verona e Vicenza.

Nel suo alto corso è caratterizzata dalla conca di Recoaro Terme, nota anche come conca di smeraldo[1], circondata dall'arco montuoso delle Piccole Dolomiti: è qui ancora molto stretta, dai versanti ripidi, coperti da boschi di conifere autoctone. Si allarga solo all'altezza di Valdagno, dove diviene molto più densamente abitata e industrializzata, anche se le dorsali collinari a est e a ovest, che raggiungono i 7-800 metri, mantengono talvolta intatte le caratteristiche e le abitazioni rurali di un tempo.

Continuando verso i comuni centro-meridionali della valle (Cornedo Vicentino, Brogliano, Castelgomberto e Trissino), questa si allarga sempre più, ospitando un importante polo industriale e artigianale.

Nonostante la densità abitativa in particolar modo della parte meridionale, caratterizzata anche dal sorgere di alcune considerevoli zone industriali, la Valle dell'Agno riesce ancora a mantenere tra le contrade sparse nelle colline le sue caratteristiche originarie, con ampi boschi e prati, percorsi da una intricata rete capillare di strade sia asfaltate che sterrate, nonché di sentieri.

A causa dell'importanza dell'antico castello di Trissino e del perdurare del dominio feudale della famiglia Trissino nella zona già a partire dall'Alto Medioevo, l'area era nota come "Valle di Trissino" e così viene citata in descrizioni e mappe fino al XVIII secolo[2].

Fra il 1880 e il 1980 la valle dell'Agno è stata interessata dalla presenza della tranvia Vicenza-Valdagno-Recoaro Terme, che contribuì in maniera determinante all'industrializzazione delle località servite[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Italia delle terme Touring Club Italiano 2003 pag. 79
  2. ^ Bernardo Morsolin, Giangiorgio Trissino o monografia di un letterato del secolo XVI, 1878, pag 2.
  3. ^ Giorgio Chiericato, Binari nel verde. Ferrovie e Tramvie Vicentine, Vicenza, 1991.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]