Valentina Ok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Valentina Ok (all'anagrafe Ciro Adorato; Napoli, 9 settembre 1968Castel Volturno, 2 settembre 2014) è stata una cantante italiana transessuale di genere neomelodico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò la sua carriera all'inizio degli anni novanta, facendosi chiamare Valentina Adorato in un ambiente tipicamente maschilista come quello del genere della canzone neomelodica napoletana, con testi di canzoni audaci, a volte spiccatamente goliardiche, altre con un contenuto sociale (come Ragazzo gay). Riuscì a farsi spazio e ad affermarsi come una cantante di successo approdando presso le tv locali per poi fare il salto di qualità con le ospitate nelle reti televisive nazionali. Sia Carlo Freccero, allora direttore di Raidue, che Goffredo Fofi e Maurizio Costanzo l'avrebbero voluta nell'importante manifestazione musicale Napoli che passione ma ci furono forti resistenze da parte di alcune forze politiche e del clero cattolico e così dovettero rinunciare alla presenza della cantante.[senza fonte]

Tra le collaborazioni più importanti della sua carriera quella con Eugenio Bennato in una tournée teatrale; con Leopoldo Mastelloni aveva realizzato un album musicale. Ebbe inoltre una collaborazione cinematografica con John Turturro che l'aveva ingaggiata per un cameo in Passione, nel quale Valentina si cimentò nella canzone I' te vurria vasà: Turturro la portò a solcare il red carpet nel 2010 alla Mostra internazionale del cinema di Venezia[1].

La sua popolarità come cantante è dovuta soprattutto al brano musicale "Ok" scritto da Vincenzo D'Agostino. Diventò un tormentone virale, e tanto fu il successo raggiunto con la canzone "Ok" che modificò il nome d'arte in Valentina Ok. Il testo ottenne anche delle forti critiche dovute a varie parti sgrammaticate («sarei una pazza se non ci verrei» e «se aspetterai cinque minuti e io non ci sarei»).

Fu imitata da Rosalia Porcaro con il personaggio di Natasha (una giovane cantante napoletana pronta a dare consigli sull'amore, il sesso e i tradimenti) prima nella celeberrima trasmissione TeleGaribaldi di una rete campana e successivamente in trasmissioni di reti nazionali.

Ultima di nove figli, aveva quattro sorelle e quattro fratelli. In una intervista sul mensile Pride, parlando di sé disse: "Ho sentito di essere donna sempre. E non l'ho mai nascosto dall'età di tredici anni. Sono stata fortunata perché ho avuto dei genitori splendidi, ed anche dei fratelli e delle sorelle che mi hanno accettata e voluta bene. Nella famiglia ho sempre trovato appoggio e sostegno."

È scomparsa nel 2014 a 46 anni dopo un cancro al fegato[2]. Riposa nel cimitero di Giugliano in Campania.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • Non è mai diverso il cuore (1996 - OP Music)
  • Non è mai accaduto al mondo (1997 - Mea sound)
  • Ieri oggi: il ritmo della tua città (1998 - Mea sound)
  • Strana (1999 - Mea sound)
  • Lei non sa chi sono io! (2004 - Mea sound)
  • Barbie & winnitu (2008 - Mea sound)
  • Amami con passione (2010 - Mea sound)

Singoli di successo[modifica | modifica wikitesto]

  • Ok
  • Me sento femmena
  • Tu staje ccà
  • Ragazzo gay

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli angeli del Sud (1995)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]