Umberto Pirilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Umberto Pirilli (Gioia Tauro, 25 settembre 1940) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, giornalista pubblicista, docente di Diritto Civile presso la Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Messina, è stato Vicesegretario nazionale giovanile del Movimento Sociale Italiano, Consigliere comunale di Messina, Consigliere comunale di Gioia Tauro, Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Consigliere regionale della Regione Calabria, Amministratore Unico della Sogas, società di gestione dell'Aeroporto di Reggio Calabria, Coordinatore regionale di Alleanza Nazionale per la Calabria, Deputato al Parlamento europeo.

Nel 1994 si è candidato al Senato nel collegio di Palmi: sostenuto dal centrodestra, ha ottenuto 41.557, pari al il 34,76% dei voti, ed è stato sconfitto dal rappresentante dei Progressisti Girolamo Tripodi, che ha ottenuto il 37,97%.

Nel 2004 è stato eletto deputato al Parlamento europeo, nella lista di Alleanza Nazionale nella circoscrizione meridionale, dopo rinuncia di Fini, Alemanno e Gasparri, incompatibili con le cariche di governo italiane. Pirilli, alle elezioni europee del 2004, ha ottenuto 46.876 preferenze. In seno al Parlamento europeo si iscrisse nel gruppo parlamentare Unione per l'Europa delle Nazioni.

È stato membro della Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia; della Commissione per gli affari esteri; della Commissione temporanea sulle sfide e i mezzi finanziari dell'Unione allargata nel periodo 2007-2013; della Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Bulgaria; della Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Romania.

Alle elezioni europee del 2009, pur avendo ottenuto 63.881 preferenze, non viene riconfermato, terminando così la sua esperienza europea. Alle elezioni comunali di Gioia Tauro del 2010 si candida a sindaco, supportato dal PdL e da una lista civica e pur ottenendo il 48,47% dei consensi, perde al ballottaggio contro Renato Bellofiore, candidato con 2 liste civiche.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90094515 · ISNI (EN0000 0004 1966 5950 · SBN BVEV031056 · WorldCat Identities (ENviaf-90094515
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie