Trumped!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trumped!
PaeseStati Uniti d'America
Anno2004
Generetalk show
Puntatecirca 1.000
Durata90 sec
Lingua originaleinglese
Crediti
ConduttoreDonald Trump

Trumped! è stato un programma radiofonico statunitense andato in onda tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dal 2004 al 2008, e condotto dall'imprenditore e futuro presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, Donald Trump fu contattato dalla Infinity Broadcasting Corporation e dalla Clear Channel Communications, entrambe interessate ad averlo protagonista di un programma radiofonico. Trump scelse la Clear Channel, la quale accolse l'indea dello stesso Trump di realizzare un programma della durata di soli 90 secondi.[1] Il programma che nacque, Trumped!, fu ufficialmente annunciato il 29 aprile 2004.[2][3] Tale trasmissione, la cui messa in onda era prevista nella mattina di ogni giorno, avrebbe visto protagonista lo stesso Donald Trump, il quale, per un tempo che andava dai 60 ai 90 secondi, avrebbe espresso le sue opinioni riguardo argomenti economici, politici e di cultura popolare. Un caso a parte sarebbe stato quello della puntata del venerdi, che avrebbe visto Trump commentare la puntata del reality show da lui condotto, The Apprentice, andata in onda la sera prima e motivare le ragioni della sua decisione circa l'eliminazione dei diversi concorrenti.[4] Prima del lancio del programma, la Office Depot siglò un contratto per la sponsorizzazione della trasmissione che prevedeva la lettura delle pubblicità dell'azienda da parte di Trump durante la messa in onda.[5][6]

La prima puntata di Trumped! andò quindi in onda il 14 giugno 2004, in occasione del cinquantottesimo compleanno di Donald Trump.[1][7] Il programma, presentato da Trump dal proprio ufficio di New York, ebbe il più grande lancio nella storia della radio, con la prima puntata che andò in onda su ben 320 stazioni radio della Clear Channel.[1][3] Nel corso delle puntate, così come era stato previsto nella sua progettazione, la trasmissione vide Trump esprimere i propri punti di vista riguardo alla vita, allo sport, all'industria dell'intrattenimento e a quella immobiliare, alla finanza e alla politica.[8][9][10][11]

Nel febbraio 2006, Trumped! arrivò ad essere mandato in onda su circa 400 stazioni radio di proprietà della Clear Channel,[12] finché nel 2008, dopo circa 1.000 puntate, la trasmissione chiuse.[13][14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c James Traub, Trumpologies, The New York Times, 12 settembre 2004, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 28 aprile 2018.
  2. ^ Trump adding his voice to morning-drive radio, su Chicago Sun-Times, 29 aprile 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  3. ^ a b Clear Channel gives The Donald radio show, United Press international, 29 aprile 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  4. ^ Dave Poole, No Business Like Trump's Business, The Columbus Dispatch, 2 maggio 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  5. ^ Karen-Janine Cohen, Office Depot, Trump Team Up, Sun-Sentinel, 8 giugno 2004. URL consultato il 28 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  6. ^ Office Depot Backing Trump's New Radio Show, The Palm Beach Post, 9 giugno 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  7. ^ 'Trumped!' premieres on local radio, The State Journal-Register, 17 giugno 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  8. ^ Corey Deitz, He's Hired: Trump Goes National With New Radio Feature, su radio.about.com, About.com, 29 aprile 2004. URL consultato il 28 aprile 2018.
  9. ^ Corey Deitz, "Trumped!" - Donald Trump On Radio, su radio.about.com, About.com. URL consultato il 28 aprile 2018.
  10. ^ Simone Payment, Donald Trump: Profile of a Real Estate Tycoon: Easyread Super Large 20pt Edition, 13 ottobre 2008, ISBN 978-1-4270-9170-3. URL consultato il 28 aprile 2018.
  11. ^ Stephen M. Silverman, The Donald to Get New Wife, Radio Show, su people.com, People, 29 aprile 2004. URL consultato il 28 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2013).
  12. ^ Bob Tedeschi, Now for Sale Online, the Art of the Vacation, The New York Times, 6 febbraio 2006. URL consultato il 28 aprile 2018.
  13. ^ Valentina Zarya, Donald Trump Used His Radio Show To Rate Women's Looks, su Fortune, 12 luglio. URL consultato il 28 aprile 2018.
  14. ^ Christopher Massie e Andrew Kaczynski, There Are Hours Of Audio Of Donald Trump's Nationally Syndicated Radio Show In The 2000s, su BuzzFeed, 16 marzo 2016. URL consultato il 28 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria