Total Overdose: A Gunslinger's Tale in Mexico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Total Overdose: A Gunslinger's Tale in Mexico
TOD 05-22-37 .png
Immagine del gioco
Sviluppo Deadline Games
Pubblicazione SCi Entertainment, Eidos Interactive
Data di pubblicazione 27 settembre, 2005 (NA e EU)
Genere Sparatutto in terza persona
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Supporto ESRB: Maturo (M), BBFC 18
Periferiche di input Mouse, Tastiera

Total Overdose: A Gunslinger's Tale in Mexico meglio noto come Total Overdose è un videogioco di azione sviluppato da Deadline Games e pubblicato da Eidos Interactive per Playstation 2, PC e Xbox.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia è ambientata in Messico nell'immaginaria contea di Los Toros (che con molta probabilità si tratta di Ciudad Juarez). La storia comincia con l'assassinio di Ernesto Cruz, un agente messicano della DEA. Ufficialmente presentato come morte da overdose, in realtà Cruz viene assassinato da un suo collega corrotto, Johnson. Il figlio di Ernesto, Tommy, indaga sulla morte del padre, ma a causa di un infortunio, è costretto a farsi sostituire dal fratello gemello, la "pecora nera" della famiglia: Ramiro, un delinquente appena uscito di galera. Ramiro si infiltra così nella gang di Cesar Morales, un narcotrafficante messicano che sapeva i dettagli della morte di Ernesto. La DEA, informata da Ramiro della spedizione di cento tonnellate di cocaina del boss, conduce una sfortunata incursione nel macello di Morales. Il giovane fugge grazie all'aiuto di Angel, una poliziotta messicana che si era anche lei infiltrata nell'organizzazione di Morales. Ramiro riesce ad uccidere Cesar Morales, ma scopre che non era altro che un burattino comandato da Papa Muerte, un grandissimo narcotrafficante mai identificato. Risale così ad uno dei fornitori di Morales, tal Elvez, un ricco commerciante di auto. Dopo aver assaltato la hacienda di Elvez, Ramiro lo interroga, poi lo affronta in combattimento e lo uccide. L'ambientazione del gioco si sposta di nuovo: ora Ramiro è nella giungla, tra rovine Maya e soldati del generale Montañez, un collaboratore degli Stati Uniti d'America, anche lui corrotto da Papa Muerte. La missione di Ramiro è quella di trovare informazioni sulla talpa nella DEA (Johnson) e dei suoi piani. Trovate le informazioni (e ucciso Montañez), Ramiro torna a Los Toros, dove si svolge l'ultimo atto della vicenda. Johnson si svela e neutralizza Tommy e il comandante della DEA Trust mandandoli in overdose, rapisce Angel e piazza una bomba nella DEA. A Ramiro tocca salvare Tommy e Trust, evitare l'esplosione della bomba e, infine, inseguire Johnson su un treno. Alla fine, Trust fa distruggere a due Harrier dei Marines un ponte, dal quale Johnson precipita, morendo. Ramiro e Angel, invece, si salvano e si innamorano.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Nel gioco non mancano una serie di sparatorie spettacolari, basate sull'aspetto volutamente "esagerato" del gioco, da ogni punto di vista, così da suscitare un effetto comico: in alcuni punti sembra citare la violenza spettacolare dei film di Quentin Tarantino. Basta osservare i personaggi stereotipati dei gangster, gli insulti che Ramiro lancia ai nemici ("ti dà noia il matrimonio riparatore con tua sorella?" o "Il tuo culo oscura il sole", eccetera), ma soprattutto le mosse speciali o mosse loco attuabili durante il gioco come El Mariachi con cui Ramiro spara con due mitragliatrici nascoste in custodie di chitarre o "Pinata bum bum", cioè una pignatta esplosiva. Inoltre in una scena in cui Ramiro salva suo fratello da una overdose, questi risvegliandosi lo chiama "Mr. Pink", citando il film Le iene di Tarantino.

Seguito[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Deadline Games iniziò lo sviluppo di un seguito, chiamato provvisoriamente Total Overdose 2: Tequila Gunrise, con l'intenzione di migliorare e potenziare il motore grafico del gioco per portarlo all'alta definizione delle console di settima generazione[1]. Tuttavia con il fallimento degli studios danesi del 2009 il progetto, assieme agli altri all'epoca in sviluppo, venne cancellato[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Monokoma, Total Overdose 2: Tequila Gunrise [X360 PS3 - Cancelled], Unseen 64, 30 marzo 2010. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  2. ^ (DA) Mads Elkær, Deadline Games går konkurs i dag (Deadline Games è fallita oggi), Computerworld.dk, 29 maggio 2009. URL consultato il 9 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]