Tony Vaccaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tony Vaccaro, 4 dicembre 2009, New York City

Tony Vaccaro, nome d'arte di Michelantonio Celestino Onofrio Vaccaro (Greensburg, 4 dicembre 1922), è un fotografo statunitense. Conosciuto anche come Michael A. Vaccaro[1], è noto per le sue foto scattate in Europa nel 1944 e nel 1945 e in Germania subito dopo la seconda guerra mondiale. Dopo la guerra, divenne un celebre fotografo di moda e lifestyle per riviste statunitensi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondogenito di tre figli, i suoi genitori, che erano immigrati italiani, lo battezzarono con il nome Michelantonio Celestino Onofrio Vaccaro. Il padre, Giuseppe Antonio, era originario del Molise, precisamente di Bonefro, in provincia di Campobasso e nel 1926 la famiglia tornò a Bonefro, dove Tony trascorse la giovinezza.

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, Vaccaro tornò negli Stati Uniti per sfuggire al regime fascista e al servizio militare obbligatorio in Italia. Negli Stati Uniti, il diciassettenne Vaccaro, appena conclusa la sua formazione presso la scuola superiore di New Rochelle, si arruolò nell'esercito e venne inviato in Europa nel 1944[2].

Combatté come soldato semplice nel 1944 e 1945 nella 83ª divisione di fanteria dell'esercito statunitense in Normandia e poi in Germania. Il suo ruolo di ricognitore gli lasciava abbastanza tempo libero durante il giorno per scattare foto[3] e divenne così il fotografo ufficiale del giornale della divisione. Nel settembre 1945 si congedò dall'esercito e soggiornò in Germania, dove ottenne un lavoro prima come fotografo per le autorità statunitensi di stanza a Francoforte, e poi per Weekend, il supplemento domenicale del giornale dell'esercito statunitense Stars and Stripes. Fino al 1949, Vaccaro operò come fotografo in Germania e in Europa, documentando la vita del dopoguerra.

Dopo il suo ritorno negli Stati Uniti nel 1949, ha lavorato per le riviste Life e Look e poi per la rivista Flair. Molte foto dalla sua vasta collezione (nonostante 4000 immagini siano andate perdute in un incidente nel 1948) sono conservate nell'archivio di guerra e sono state pubblicate nel 2001 nel suo libro Entering Germany: Photographs 1944-1949.

Nel 1994, ha ricevuto in Francia la Legion d'onore in occasione delle celebrazioni del cinquantesimo anniversario dello sbarco in Normandia[4].

Esposizioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Luxembourg by Tony Vaccaro, 1944-1945, Lussemburgo, 1995, Lions Club.
  • Tony Vaccaro: La mia Italia, Berlino, 1996, Galerie Bilderwelt.
  • Tony Vaccaro: Deutschland 1945 - 1949, Berlino, 1999, Galerie Bilderwelt.
  • Frank Lloyd Wright, Kirchentellinsfurth, 2002, Kultur-unterm-Schirm.
  • Tony Vaccaro: la mia Italia, fotografie 1945-1955, Padova, 2005, Associazione culturale "Balbino Del Nunzio di Padova" in collaborazione con la Galerie Bilderwelt, Berlin.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Mostra[modifica | modifica wikitesto]

In Molise nella sua Bonefro presso il Palazzo Miozzi, dall'agosto 2014 al vi è una mostra permanente monografica,delle sue fotografie, curata da Reinhard Schultz e dalla Galleria Bilderwelt di Berlino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gadsden, R.: Tony Vaccaro: The Formative Years, Praesens Verlag, Vienna; 2005. ISBN 3-7069-0345-8
  2. ^ (EN) Entering Germany, The Globalist, 24 gennaio 2004. (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2004).
  3. ^ (EN) "Shooting" Germany: 1944-1949,, The Globalist, 24 gennaio 2004.
  4. ^ (DE) Goepel, K, Bild-Ikonen zum Kriegsende: Tony Vaccaro's Werk, Icons, AKG-Images, 15 agosto 2005. (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN199656836 · ISNI (EN0000 0003 8544 8981 · SBN IT\ICCU\VEAV\055411 · LCCN (ENno97050858 · GND (DE120522306 · BNF (FRcb13614300m (data) · ULAN (EN500339954