The Great Giana Sisters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Great Giana Sisters
Giana.png
Immagine della versione C64
Sviluppo Time Warp Productions
Pubblicazione Rainbow Arts, Go! (U.S. Gold)
Ideazione Armin Gessert
Manfred Trenz
Data di pubblicazione C64, ST: 1987
CPC, Amiga: 1988
Genere Piattaforme
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo, 2 alternati
Piattaforma Amiga, Amstrad CPC, Atari ST, Commodore 64, MSX2, Telefono cellulare
Supporto Cassetta, dischetto
Periferiche di input Joystick, tastiera

The Great Giana Sisters è un videogioco uscito nel 1987 per diversi home computer, sviluppato dalla Time Warp Production e distribuito dalla Rainbow Arts. Le due protagoniste del gioco sono le sorelle Giana e Maria, le "Giana Sisters" del titolo per l'appunto, corrispettivi femminili di Mario e Luigi da Super Mario Bros., a cui il titolo palesemente si rifà. "Giana" è una storpiatura del nome italiano Gianna, che tra l'altro appare correttamente con due N nella schermata scorrevole dei titoli.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Questo titolo si basa sulla classica meccanica di gioco tipica dei platform a scorrimento orizzontale come Super Mario Bros., del quale viene considerato praticamente un'imitazione. Il compito del giocatore è quello di attraversare tutti i 32 livelli, ciascuno con un limite di tempo, facendo attenzione a non cadere nei baratri o a toccare i nemici di lato, mentre è possibile eliminarli saltandogli sopra la testa. Lungo il percorso si possono raccogliere le gemme sparse per il livello e ogni 100 gemme si ottiene una vita extra. Sono presenti diversi power-up, dal corrispondente del fungo di Mario, che trasforma Giana in una punk e permette di rompere i blocchi a testate, fino a fulmini che permettono di sparare e smart bomb in grado di eliminare tutti i nemici su schermo. Ci sono anche stanze segrete piene di bonus, il cui ingresso sembra apparentemente un baratro letale.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è uscito per i principali home computer dell'epoca. La versione Commodore 64 ottenne molti giudizi positivi, in particolare una "medaglia d'oro" da Zzap!. Le versioni per i più potenti Amiga e Atari ST vennero comunque apprezzate, anche se trattandosi di imitazioni piuttosto fedeli del più datato Super Mario Bros., sottosfruttano un po' la macchina di appartenenza.

La versione Commodore 64 è ad opera di Armin Gessert e Manfred Trenz, le musiche sono state composte da Chris Hülsbeck. La conversione Amiga è stata realizzata da Thomas Hertzler e dallo stesso Trenz, successivamente autori di Turrican.[1]

In aprile del 2009 è uscito un sequel del gioco per Nintendo DS intitolato Giana Sisters DS, sviluppato dal medesimo team del gioco originale (ora chiamato Spellbound Interactive) e pubblicato da DTP Entertainment.[2] Questa versione è dotata di audio e grafica migliorati, e sono stati aggiunti in ogni livello un numero variabile di gemme di colore rosso, che se raccolte sbloccano un livello bonus per ogni mondo. Allo stesso tempo sono però state rimosse diverse caratteristiche (come la maggior parte dei power-up e i segreti, sebbene ne siano stati inseriti altri) e i livelli sono stati generalmente semplificati.

Ad ottobre 2012 è uscito Giana Sisters: Twisted Dreams, sviluppato da Black Forest Games (composta dai membri di Spellbound).[3]

Tentata causa per plagio[modifica | modifica wikitesto]

Questo titolo, molto simile a Super Mario Bros uscito precedentemente per il NES, risultava esserne un clone abbastanza spudorato[4], non solo nel gameplay e nell'aspetto grafico, ma addirittura nella struttura stessa dei livelli, tanto che i primi cinque livelli di questo titolo sono praticamente uguali a quelli del capitolo della saga Nintendo. Il colosso nipponico proprio per questo minacciò di intentare una causa alla Rainbow Arts, così la software house tedesca fu costretta a ritirare il gioco dal mercato poco dopo l'uscita[1] e a bloccarne sul nascere la conversione per ZX Spectrum, mai pubblicata nonostante sia stata recensita in anteprima da diverse riviste.

Un seguito, inizialmente intitolato Giana 2: Arther and Martha in Future World, venne modificato per paura di nuovi problemi legali da parte di Nintendo, e venne così modificato e pubblicato come Hard'n'Heavy, con protagonisti due robot.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Matteo Bittanti, Super Mario Bros videografia: La vera biografia non autorizzata, Game Power nº 22, novembre 1993, p. 49.
  2. ^ Giana Sisters DS
  3. ^ Project Giana
  4. ^ Zzap! 25
  5. ^ Giana 2 – Arthur And Martha In Future World

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi