Matteo Bittanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matteo Bittanti, anche noto come MBF (Milano, 1975), è uno scrittore, giornalista, docente e ricercatore universitario italiano.

È conosciuto soprattutto per i suoi saggi riguardanti il mondo videoludico e per le sue rubriche in alcune riviste del settore e nei siti Internet, dove è soprannominato Il Filosofo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2002 al 2005 ha insegnato Teoria e tecnica del Videogioco presso la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Ha cominciato a lavorare presso la rivista di videogiochi Zzap!, poi con Giochi per il mio computer. Dal 2002, è il curatore della collana editoriale ludologica. videogames d'autore per l'editore Unicopli.[1]

Tra il 2006 e il 2011, ha collaborato con il Stanford Humanities Lab presso l'università di Stanford. Tra il 2006 e il 2008 ha collaborato, come ricercatore, con la University of California Berkeley per un progetto di studio sull'uso delle nuove tecnologie della comunicazione da parte delle giovani generazioni[2]

Dal 2005 vive a San Francisco, California dove è docente presso il California College of the Arts di San Francisco e Oakland.

Nel 2011 ha curato la mostra Italians do it better! con Domenico Quaranta nella sezione Fringe della 54ª Biennale di Venezia.

Scrive regolarmente sui media digitali, arte, videogiochi, film e cultura popolare sulle riviste Wired Italia e Rolling Stone Italia.[1] Ha pubblicato saggi e articoli sui videogame, il cinema, i videoclip e la letteratura americana e italiana contemporanea.

Dal 2017 è coordinatore didattico del Master of arts in game design presso l'Università IULM di Milano.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'innovazione tecnoludica - l'era dei videogiochi simbolici (1958-1984), Jackson Libri, 1999
  • The Sims. Similitudini simboli e simulacri, con Mary Flanagan, Unicopli, 2003
  • GameScenes. Art in the Age of Videogames, con Domenico Quaranta, Johan & Levi, 2007[1]

Da lui curati:

  • Per una cultura del videogame - Teorie e prassi del videogiocare, Unicopli. 2002 (nuova edizione ampliata e aggiornata, ivi, 2005)
  • SimCity. Mappando le città virtuali, Unicopli. 2004
  • Doom - Giocare in prima persona, Edizioni Costa & Nolan. 2005
  • Civilization. Storie virtuali, fantasie reali, Edizioni Costa & Nolan. 2005
  • Gli strumenti del videogiocare. Logiche, Estetiche, (V)Ideologie, Edizioni Costa & Nolan. 2005
  • Schermi interattivi. Il cinema nei videogiochi, Meltemi Editore srl. 2008
  • Machinima! Teorie. Pratiche. Dialoghi, con Henry Lowood, Unicopli. 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49499678 · ISNI (EN0000 0000 7691 8871 · SBN IT\ICCU\TO0V\331987 · BNF (FRcb15001560b (data)