The Booth at the End

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Booth at the End
Titolo originaleThe Booth at the End
PaeseStati Uniti d'America, Canada
Anno2010-2012
Formatoserie TV
Generefantastico, drammatico
Stagioni2
Episodi10
Durata25 minuti
Lingua originaleinglese
Crediti
IdeatoreChristopher Kubasik
RegiaJessica Landaw (stagione 1)
Adam Arkin (stagione 2)
SceneggiaturaChristopher Kubasik
Interpreti e personaggi
Xander Berkeley
MontaggioDavid Dawes

Jessica Landaw

Richard Choi
MusicheTree Adams (stagione 1), John Swihart (stagione 2)
ProduttoreStephen A. Cohen, Noel Bright, Lou Fusaro, John H. Radulovic, Adam Arkin
Casa di produzioneVuguru
Prima visione
Data27 agosto 2010
Rete televisivaFX

The Booth at the End è una serie televisiva di genere drammatico con elementi fantasy andata in onda in Nord America nel 2010.

Creata da Christopher Kubasik, ha come protagonista Xander Berkeley, ed è stata inizialmente prodotta per il canale televisivo via cavo statunitense FX. La prima stagione è andata in onda a partire dal 27 agosto 2010 sul canale canadese City. La prima stagione è stata interamente diretta da Jessica Landaw, mentre la seconda da Adam Arkin (anche coproduttore).

La serie segue il destino di un gruppo di sconosciuti che fanno dei patti con un uomo senza nome (Xander Berkeley), che sembra possedere il potere di far avverare un loro desiderio, in cambio di un compito da portare a termine che egli ogni volta assegna consultando la sua agenda. La tagline della serie è "fin dove saresti disposto a spingerti per ottenere quello che vuoi?". La serie si mette in mostra per un'ingegnosa messa in scena dove l'azione drammatica è interamente raccontata nelle conversazioni tra il misterioso uomo e i personaggi che prendono posto al tavolo in fondo alla tipica tavola calda, da cui il titolo, per fare patti con lui.

In Italia la prima stagione è stata disponibile su Netflix fino al 18 ottobre 2018, mentre la seconda è ancora inedita.

Nel 2017 il regista italiano Paolo Genovese ha preso ispirazione da questa serie per il suo film intitolato The Place.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]