The Big Bopper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Big Bopper
The Big Bopper.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rock
Country
Periodo di attività 1949-1959
Etichetta Mercury Records
Sito web

The Big Bopper, nome d'arte di Jiles Perry Richardson, Jr.; indicato anche come J.P. "The Big Bopper" Richardson (Sabine Pass, 24 ottobre 1930Clear Lake, 3 febbraio 1959), è stato un cantautore e disc jockey statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ricordato per la sua esuberante personalità che ne fece una star del rock and roll, ha avuto tra i suoi maggiori successi la canzone Chantilly Lace, inserita nella colonna sonora del film di George Lucas del 1973 American Graffiti[1].

Nato nella città di Sabine Pass, Big Bopper era il figlio maggiore di Jiles Perry Richardson, Sr. e di sua moglie Elise Stalsby Richardson. Il padre lavorava nel settore oleario e Richardson crebbe insieme ai fratelli minori Cecil e James. La famiglia si trasferì a Beaumont (Texas) dove Richardson si diplomò all'high school nel 1947. In quel periodo giocò come difensore e con la maglia n. 85 nella squadra di football americano "Royal Purple". Successivamente studiò legge alla Lamar University frequentando il gruppo musicale e il corso della scuola. Come musicista si trovò a suonare con Johnny Lampson Combo.

Trovò la morte il 3 febbraio 1959, in un disastro aereo accaduto presso Clear Lake, nello Iowa in quello che venne definito The Day the Music Died (Il giorno in cui è morta la musica), in cui persero la vita insieme a lui altre due stelle del rock: Buddy Holly e Ritchie Valens. Dall'incidente scampò il chitarrista di Holly, Tommy Allsup, che perse per sorteggio - proprio da Valens - un posto sull'aereo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi: Musicsite.it (URL consultato il 04-09-2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colin Escott, The Big Bopper (J.P. Richardson). In The Encyclopedia of Country Music. Paul Kingsbury, Editor. New York: Oxford University Press. pag. 35. 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN89802460 · LCCN: (ENn88614904 · GND: (DE134329252 · BNF: (FRcb138915055 (data)