Beaumont (Texas)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beaumont
city
(EN) City of Beaumont
Beaumont – Veduta
Il Beaumont Commercial District
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of Texas.svg Texas
Contea Jefferson
Amministrazione
Sindaco Becky Ames
Territorio
Coordinate 30°04′48″N 94°07′36″W / 30.08°N 94.126667°W30.08; -94.126667 (Beaumont)Coordinate: 30°04′48″N 94°07′36″W / 30.08°N 94.126667°W30.08; -94.126667 (Beaumont)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 222,31 km²
Abitanti 118 296 (2010)
Densità 532,12 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 77701–77710, 77713, 77720, 77725, 77726
Prefisso 409
Fuso orario UTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Beaumont
Beaumont
Beaumont – Mappa
Sito istituzionale

Beaumont (/ˈboʊmɒnt/ BOH-mont) è un comune (city) degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Jefferson nello Stato del Texas. La popolazione era di 118,296 abitanti al censimento del 2010, il che la rende la 25ª città più popolosa dello stato. Fa parte dell'area metropolitana di Beaumont-Port Arthur. Situata nel Texas sud-orientale sul fiume Neches, si trova circa 90 miglia (140 km) ad est di Houston. Insieme a Port Arthur ed Orange, Beaumont forma il Golden Triangle, un importante area industriale sulla costa del golfo del Texas.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo United States Census Bureau, la città ha una superficie totale di 222,31 km², dei quali 214,45 km² di territorio e 7,85 km² di acque interne (3,53% del totale).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Beaumont si sviluppò intorno alla fattoria di Noah e Nancy Tevis, che si stabilirono sul fiume Neches nel 1824. La piccola comunità che cresceva intorno alla fattoria era nota come Tevis Bluff o Neches River Settlement. Insieme alla vicina comunità di Santa Anna, divenne il sito della città di Beaumont quando, nel 1835, Henry Millard e i suoi compagni Joseph Pulsifer e Thomas B. Huling iniziarono a pianificare una città sulla terra acquistata dai Tevis. L'affermazione più credibile è che Millard diede alla città il nome del nipote di sua moglie, Beaumont. A Millard, il primo congresso della Repubblica del Texas fece di Beaumont il capoluogo della contea di Jefferson appena costituita e gli concesse un atto costitutivo nel 1838. Sotto un secondo atto costitutivo, il governo comunale fu organizzato nel 1840, ma fu presto sciolto. Un altro tentativo di creare un governo comunale nel 1860 durò brevemente. Il governo comunale continuato risale all'incorporazione sotto un statuto generale nel 1881. Beaumont era un piccolo centro per il bestiame e per gli agricoltori nei primi anni e, grazie al fiume, verso la fine degli anni 1800, divenne un importante città per il legname e il riso. Il Beaumont Rice Mill, fondato nel 1892, è stato il primo mulino di riso commerciale nel Texas. Il boom del legname di Beaumont, che raggiunse il picco verso la fine degli anni 1800, era dovuto in gran parte alla ricostruzione e all'espansione delle ferrovie dopo la guerra civile americana. Verso l'inizio degli anni 1900, la città era servita dai sistemi ferroviari della Southern Pacific Railroad, Kansas City Southern Railway, Atchison, Topeka and Santa Fe Railway, e Missouri Pacific Railroad. La popolazione salì da 3,296 nel 1890 a 9,427 nel 1900[1].

Il pozzo petrolifero di Spindletop del 1901 produceva un boom che lasciò Beaumont con una popolazione raddoppiata (20,640 abitanti nel 1910), grande ricchezza e un'economia basata sul petrolio che si estese con raffinerie e condotti, e furono scoperti nuovi campi. Tre grandi compagnie petrolifere - la Texas Company (più tardi Texaco), la Gulf Oil Corporation, e la Humble (successivamente ExxonMobil) - si formarono a Beaumont durante il primo anno del boom. La Magnolia Refinery divenne il più grande datore di lavoro della città; nel 1980 il più grande impianto di produzione era quello della Mobil. Beaumont divenne un grande porto marittimo (variamente secondo o terzo in tonnellate nel Texas negli anni 1970) dopo che il Neches fu canalizzato a Port Arthur nel 1908. Nel 1916, il canale fu approfondito, un bacino ribaltabile e un cantiere fu costruito. La Gulf States Utilities Company, che serve il sud-est del Texas e il sud-ovest della Louisiana, stabilì il suo quartier generale a Beaumont. La scoperta di un nuovo campo petrolifero a Spindletop nel 1925 portò un altro aumento di crescita. La popolazione di Beaumont era di 40,422 nel 1920 e 57,732 nel 1930. Anche quest'era aveva il suo lato più scuro: negli anni 1920, il Ku Klux Klan acquisì a forza Beaumont e dal 1922 al 1924 controllava la politica locale. Verso la fine degli anni 1920, tuttavia, aveva perso gran parte della sua adesione e di conseguenza il suo potere. Sebbene stesse in attesa della grande depressione, l'economia di Beaumont prosperò durante la seconda guerra mondiale con la costruzione navale e la raffinazione del petrolio. Il nuovo boom del sovraffollamento, che potrebbe aver contribuito alla crisi razziale di Beaumont del 1943, la violenza interrazziale portò alla dichiarazione della legge marziale e alla chiusura virtuale della città nel mese di giugno[1].

L'economia di Beaumont era cresciuta con petrochimici e gomma sintetica nell'era del dopoguerra intorno al 1960, quando la crescita si rallentò. A metà degli anni 1950, la città, che era stata segregata dalla ricostruzione, vide che il movimento dei diritti civili cominciava a guadagnarsi slancio, poiché il capitolo locale della NAACP vinse due congedi di desegregazione consecutivi, uno dei quali al Lamar State College. Verso l'inizio degli anni 1960, un'indagine del General Investigating Committee of the Texas House of Representatives portò a tre giorni di audizioni pubbliche sulla prostituzione illegale di Beaumont e il distretto di gioco, un sottoprodotto di boomtown; il dipartimento di polizia fu successivamente riorganizzato. Beaumont possedeva 94,014 abitanti nel 1950 e 119,175 nel 1960; nel 1964 era la sesta città più grande del Texas. Nel 1970, la sua popolazione scese a 115,919 abitanti, in parte a causa dell'automazione dell'industria petrochimica che era iniziata nei primi anni 1960. Anche se nel 1980 la popolazione di Beaumont era salita a 118,102 abitanti, era la dodicesima città più grande dello stato. La popolazione del 1980 era composta dal 61,2 percento di bianchi e 36,6 percento di neri ed era composta principalmente da italiani e cajun e in minoranza da ispanici e asiatici. I gruppi religiosi erano i cattolici, varie denominazioni protestanti, ed ebrei. Verso l'inizio degli anni 1980, le principali organizzazioni culturali comprendevano un'orchestra sinfonica, un'opera civica, un balletto, diversi musei d'arte e un teatro. Le strutture mediche comprendevano un neurologico e almeno tre ospedali. Il principale campus della Lamar University è a Beaumont. I due distretti scolastici indipendenti della città furono uniti nel 1983. Nel 1985, Beaumont possedeva un giornale, il Beaumont Enterprise, due stazioni televisive e diverse stazioni radio locali. Sotto l'attuale atto costitutivo (1947), Beaumont possiede un "council-manager government". Il Ninth Court of Civil Appeals, il tribunale distrettuale federale, e la Lower Neches Valley Authority, hanno sede a Beaumont. Il Jefferson County Airport di Nederland fornisce all'area impianti di navigazione e trasporto aereo; Beaumont è servita anche dal proprio aeroporto comunale. Gli eventi annuali di Beaumont sono la South Texas State Fair, il Neches River Festival, e il Kaleidoscope Arts and Crafts Festival. Il sistema del parco cittadino comprende più di trenta parchi della comunità e quartieri e il Babe Didrikson Zaharias Museum. I principali restauri storici sono il John J. French Museum, la Tyrell Historical Library, e la McFaddin-Ward House. Tra i musei della città troviamo il Gladys City Boom Town Museum, una replica a pieno titolo del boomtown di Spindletop, e il Texas Energy Museum. A partire dagli inizi degli anni 1980, l'area di Beaumont, per colpa della sua dipendenza dai mercati petrochimici pesanti e dai mercati petrochimici, divenne la crescita più lenta dello stato e ha sempre avuto la massima disoccupazione sulla costa del golfo del Texas. Nel 1990, Beaumont possedeva una popolazione di 114,323 abitanti, e nei primi anni 1990, testimoniò alcuni importanti progetti di rivitalizzazione nell'area del centro. Nel 2000, la popolazione scese a 113,866 abitanti[1].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[2] del 2010, la popolazione era di 118,296 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 39,77% di bianchi, il 47,28% di afroamericani, lo 0,55% di nativi americani, il 3,29% di asiatici, lo 0,03% di oceanici, il 7,09% di altre razze, e l'1,99% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 13,44% della popolazione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN130782691 · LCCN: (ENn80019506 · GND: (DE129410-6
Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas