Synapsida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Synapsida
Skull synapsida 1.svg
schema di cranio sinapside
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Clade Amniota
Classe Synapsida
Sottogruppi

I sinapsidi sono un classe di vertebrati tetrapodi caratterizzati da una sola apertura cranica temporale. Dal punto di vista filetico comprendono gli attuali mammiferi.

I synapsida, "arcate fuse", con riferimento appunto alle finestre craniche temporali sono conosciuti anche come teropsidi (theropsida o "facce da belva", termine da non confondere con l'ordine terapsidi, uno dei due in cui è suddivisa la classe), tradizionalmente descritti come "rettili simili a mammiferi", svilupparono una sola apertura nel cranio (finestra temporale), nella zona della tempia, dietro a ciascun occhio, circa 300 milioni di anni fa, durante il tardo Carbonifero.

Il raggruppamento Synapsida è spesso contrapposto al raggruppamento Sauropsida, quest'ultimo creato nel 1916 da E.S. Goodrich, gruppo che definisce una divisione in itinere per diventare classe e riunisce gli attuali rettili e uccelli.
Il cranio sinapside è stato poi trasmesso ai mammiferi, filogeneticamente discendenti dei primi sinapsidi.

Classicamente, nella classificazione su base cranica, i sinapsidi erano considerati una sottoclasse di rettili, insieme agli anapsidi ai diapsidi, e ai parafiletici euriapsidi.

I sinapsidi sono stati gli animali terrestri dominanti dalla metà alla fine del periodo Permiano, 299-251 milioni di anni fa (mya). Come per quasi tutti i gruppi allora esistenti, il loro numero e la varietà sono state fortemente ridotte dall'estinzione di massa del Permiano-Triassico. Alcune specie sono sopravvissuti al periodo Triassico, quando gli arcosauri divennero rapidamente gli animali dominanti. Alcuni dei sinapsidi non-mammiferi sono sopravvissuti fino al Triassico, persistendo nel Cretacico. Tuttavia, come unità filogenetica, hanno incluso i discendenti mammiferi e in questo senso i sinapsidi sono ancora un gruppo di vertebrati viventi. Sotto forma di mammiferi, il gruppo dei sinapsidi è diventato di nuovo quello dei vertebrati terrestri dominanti dopo l'evento dell'estinzione K-T.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Classe Synapsida*

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

La filogenesi dei Sinapsidi è illustrata nel seguente cladogramma:[1][2]

Synapsida

Caseasauria Ennatosaurus BW.jpg

Eupelycosauria

Varanopidae Varanops brevirostris.jpg

Ophiacodontidae Archaeothyris BW.jpg

Edaphosauridae Ianthasaurus BW.jpg

Sphenacodontia

Sphenacodontidae Palaeohatteria DB.jpg

Therapsida

Biarmosuchia Biarmosuchus.jpg

Eutherapsida

Dinocephalia Struthiocephalus DB.jpg

Neotherapsida

Anomodontia Eodicynodon BW.jpg

Theriodontia

Gorgonopsia Gorgonops whaitsii1.jpg

Eutheriodontia

Therocephalia Moschorhinus DB.jpg

Cynodontia

Cynognathia Cynognathus BW.jpg

Probainognathia

MammaliaRuskea rotta.png

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Laurin M., Reisz R.R., Synapsida. Mammals and their extinct relatives, su The Tree of Life Web Project, 2011. URL consultato il 30 settembre 2019.
  2. ^ (EN) Kemp T.S., The origin and radiation of therapsids, in Chinsamy-Turan A., Forerunners of Mammals, Bloomington, Indiana University Press, 2011, pp. 3–30, ISBN 978-0-253-35697-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00710334
Paleontologia Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di paleontologia